Sudan, i dubbi rimangono nonostante l’accordo

sudan
Visualizzazioni : 38

Negli ultimi quattro mesi, il Sudan è stato teatro di sviluppi violenti fino a quando i gruppi rivoluzionari e le forze armate hanno raggiunto un accordo su una nuova costituzione all’inizio di agosto. L’accordo ha ridato speranza al movimento del Paese di andare ad elezioni per un governo civile dopo diversi decenni di regime militare. Tuttavia, il popolo sudanese e le istituzioni civili hanno una lunga strada da percorrere per poter realizzare i propri ideali e tenere elezioni libere e democratiche.

Sviluppi in Sudan

sudan

Le proteste contro Omar al-Bashir hanno portato alla sua estromissione nell’aprile 2019. Da allora, il ritmo degli sviluppi nel Paese africano è stato altamente abbagliante e imprevedibile. Ahmed Awad Ibn Auf, ministro della Difesa di al-Bashir, ha guidatoo la presa di potere da parte dell’esercito. Si è dimesso 24 ore dopo la rimozione di al-Bashir e rimosso il suo aiutante Kamal Abdel Marouf. Il consiglio militare inizialmente ha promesso ai manifestanti un primo ministro civile nel tentativo di calmare le manifestazioni. Due settimane dopo, i governanti militari e le forze politiche alla prima riunione concordarono un consiglio di transizione. Le tensioni sono continuate nonostante ciò. Attori regionali come l’Unione europea, Unione africana ed Etiopia hanno mediato tra le due parti sudanesi che il 27 luglio hanno ufficialmente firmato un accordo politico sul periodo di transizione. Di gran lunga, questo è stato il più grande risultato politico che ha dato speranza per un governo democratico.

Accordo costituzionale

Il nuovo documento costituzionale è stato firmato dal consiglio militare e dalla coalizione delle forze politiche. Secondo il documento, verrà formato un consiglio indipendente per intraprendere l’amministrazione. Il periodo di transizione è di 39 mesi, con i primi sei mesi dedicati alla diffusione della pace in tutto il Paese, principalmente nelle regioni contese come il Darfur. La nuova amministrazione avrà 11 membri, 6 militari e 7 della coalizione politica. Abdel Fatah al-Burhan, un comandante militare che ha guidato il consiglio militare dopo le dimissioni di Ibn Auf, è stato nominato capo della nuova amministrazione. Il documento costituzionale, che secondo un accordo distribuisce il potere, dà la scelta del primo ministro alle forze politiche. I ministri, decreta, non dovrebbero essere più di 20. Il blocco politico eleggerà anche il 67 percento dei futuri membri del parlamento. Il documento affida al consiglio di amministrazione il diritto alla dichiarazione di guerra, allo stato di emergenza e alla firma di patti internazionali.

Prospettive degli sviluppi politici in Sudan

I principali attori della scena sudanese sono i 23 principali partiti dell’alleanza politica e i comandanti militari che sono unificati sotto il consiglio militare. Oltre a questi attori, il personale militare fedele ad al-Bashir è in attesa di una nuova opportunità e, secondo quanto riferito, ha progettato almeno due colpi di stato militari. Il problema principale che il Paese affronta attualmente è la grave povertà a livello nazionale, una situazione peggiorata nel sud del Paese che ospita il 75% delle riserve petrolifere, diventato uno Stato indipendente nel 2011. La debolezza economica ha motivato gli attori stranieri, su tutti Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita, per svolgere un ruolo importante nella gestione degli sviluppi presentando aiuti ad al-Bashir e quindi al consiglio militare.

Al-Burhan, divenuto il successore di Ibn Auf il giorno dopo l’espulsione di al-Bashir, è il comandante delle forze sudanesi nella coalizione araba guidata dai sauditi nella guerra contro lo Yemen. È stato invitato alle riunioni della Lega araba e dell’Organizzazione per la cooperazione islamica tenutesi alla Mecca il 31 maggio. Al suo ritorno dall’Arabia Saudita, attaccò i sit-in e uccise un gran numero di manifestanti. Secondo la televisione Al-Jazeera, Mohamed Hamdan Daglo, il vice capo del consiglio militare, in un discorso ha affermato che “combattiamo insieme con gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita poiché abbiamo il maggior numero di truppe nella coalizione (30mila tra militari e mercenari)”.

Riyad e Abu Dhabi hanno concesso aiuti per tre miliardi di dollari al Sudan post-rivoluzione che, secondo i governanti militari. Ciò accade mentre l’Arabia Saudita cerca di stabilire un rapporto con i governanti militari in Sudan come quello stabilito con il generale Khalifa Haftar in Libia, che è attualmente impegnato in una violenta campagna militare per impadronirsi della capitale Tripoli, amministrata dal governo di Accordo Nazionale riconosciuto a livello internazionale. L’unica differenza è che in Sudan le forze politiche deterranno il 67 percento dei seggi del nuovo parlamento e potranno ostacolare l’ingerenza di Riyad nella loro politica. I leader delle Forze per la libertà e il cambiamento sono contrari alla partecipazione del Sudan alla campagna anti-yemenita, iniziata nel marzo 2015, che ad oggi ha ucciso oltre 90mila civili.

La composizione dell’alleanza politica è in gran parte varia, contenente forze liberali, nazionalisti, persone di sinistra, indipendenti e alcune forze dei Fratelli musulmani. Tutti sono principalmente unificati attorno alla visione del “no al governo militare”. Ma apparentemente con il cambiamento dell’equilibrio di potere, l’alleanza cambierà. Un’altra sfida oltre alla povertà è l’ingerenza israeliana negli affari interni del Paese. Un’altra sfida è lo status delle milizie, che deve ancora essere determinato e il loro capo è il vice di al-Burhan nel consiglio di amministrazione. I comandanti militari non sono interessati a lasciare la struttura del potere. Ancora un’altra sfida è la libera elezione che si terrà tra tre anni. Il potere cambia fino a quando le elezioni non rappresentano un’altra sfida. Soprattutto, fintanto che le fonti di reddito e gli aiuti esteri non sono chiari, si prevede che le potenziali tensioni crescano clandestinamente sotto la superficie degli attuali sviluppi.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi