Rouhani, fratello in carcere per corruzione

Rouhani
Visualizzazioni : 66

Hossein Fereydoun, fratello del presidente iraniano Hassan Rouhani, è stato trasferito nella prigione Evin di Teheran con l’accusa di corruzione, ha riferito oggi il suo avvocato Hossein Sartipi. L’avvocato ha dichiarato che il suo cliente è stato mandato in prigione questa mattina per scontare la sua condanna di 5 anni.

Fereydoun è stato arrestato nel luglio del 2017 e rapidamente rilasciato su cauzione a seguito di innumerevoli accuse di corruzione. La gente e i parlamentari avevano chiesto che Fereydoun fosse processato per accuse di corruzione finanziaria.

Chi è Hossein Fereydoun

Già governatore delle città di Neishabur e Mashaad, il fratello e consigliere del Presidente Rouhani è stato per otto anni ambasciatore iraniano in Malesia e successivamente membro della delegazione di rappresentanza dell’Iran all’Onu. Conclusa la carriera diplomatica Fereydoun è stato consigliere del fratello maggiore per il Centro di Studi Strategici fino al 2013, anno in cui Rouhani, dopo la sua salita al potere, lo elesse come “consigliere particolare del presidente della Repubblica per gli affari esecutivi”. Mossa per la quale Rouhani è stato ampiamente criticato.

Rouhani e le polemiche su Fereydoun

Figura ambigua quella di Fereydoun, conosciuto anche come “l’uomo delle banche”. Personaggio dall’atteggiamento sibillino, nel 2014 è stato più volte criticato dai media per l’abitudine di conversare nello stretto dialetto di Sorkhè (piccolo borgo della regione del Semnan, da cui proviene la famiglia Rohani) con il Presidente, in merito all’esito dei negoziati sul nucleare.

Alcuni politici conservatori sostengono avesse più volte impartito ordini, dalla presidenza, fingendosi il fratello. Recenti sono anche le accuse di implicazione in società di scambio monetario. Fereydoun pare sia riuscito a far fruttare alle società moltissimo denaro in tempi brevissimi; questo accadeva nel periodo in cui le sanzioni, unitamente alle forti oscillazioni dei tassi di cambio, avevano indebolito la moneta iraniana e determinato pesanti danni all’economia.

Nell’inverno del 2014, 46 deputati iraniani hanno chiesto al presidente Rouhani di presentare un esposto alla magistratura per “reati economici” nei confronti del fratello, in riferimento alla gestione illecita di flussi finanziari con le società di “exchange” da lui fondate, tra i cui soci figuravano diversi direttori di banche governative e dirigenti della finanza pubblica.

Lo scandalo degli stipendi stellari

Il 2016 è l’anno dello scandalo degli “stipendi stellari”. Il caso è scoppiato in seguito alla pubblicazione, da parte di media vicini all’opposizione, dei mega-salari percepiti dai dirigenti delle banche statali iraniane. Stipendi che arrivavano a superare i 400mila euro al mese. Forse poca cosa rispetto alle retribuzioni dei manager occidentali, ma moltissimo se si fa riferimento ai parametri persiani.

Poco prima, il generale Jafari, l’allora comandante in capo dei Pasdaran ed avversario politico di Rohani, aveva dichiarato, pur senza fare nomi, che alcuni politici di spicco erano coinvolti nel buco di 200 milioni di euro della banca Melli, altra banca governativa, altri soldi rubati al Paese. In seguito alle rivelazioni di alcuni media locali, le indagini della magistratura hanno fatto luce su un giro di stipendi folli, benefits e prestiti a tasso zero che ha interessato i dirigenti di quattro tra le banche pubbliche iraniane. Gli amministratori delegati di Mellat, Saderat, Refah e Mehr, sono stati costretti alle dimissioni.

Fonti certe hanno rivelato che quasi tutti i top manager coinvolti nello scandalo fossero vecchi amici o colleghi di Fereydoun, e che questi avessero assunto i rispettivi incarichi sotto pressioni dello stesso Fereydoun nei confronti degli allora Ministri degli Affari Economici e delle Finanze.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi