/ Asia / Lo splendido Museo del Cinema iraniano

Lo splendido Museo del Cinema iraniano

Redazione on 30 giugno 2018 - 05:59 in Asia, Primo Piano

Il Museo del Cinema iraniano al Ferdows Garden, a nord della capitale iraniana di Teheran, espone mostre sul cinema iraniano in un edificio del XIX secolo.

museo del cinema iranianoNato da un’idea di Mohandes Sayyed Mohammad Beheshti, l’edificio del museo è stato inaugurato ufficialmente a Lalezar St nel 1998. Ha iniziato il suo lavoro con la pubblicazione di libri, cartoline e film iraniani insieme a una selezione di colonne sonore in una cerimonia centennale del cinema iraniano.

Dopo quattro anni, è stato trasferito nella sua posizione attuale a Ferdows Garden. Situato nel nord della città, nella metropolitana di Teheran, il museo del cinema è un edificio unico nel suo genere. Esponendo alcune foto di film, documenti, apparati del cinema e manifesti di film, il museo ospita diverse sale con temi sulla guerra iraniana-irachena, bambini e adolescenti, doppiaggio, musica e film armeni.

Esibendo opere ammirevoli di film persiani, il museo contiene sette sale, con due sale per il teatro che da 121 e 205 posti, aperti dal pomeriggio alla sera, ed è davvero un riflettore per i fanatici del cinema persiano. Le immagini qui raffigurano parti di film, episodi dietro le quinte, processo di creazione di film e attività cinematografiche, così come artisti, attori e attrici iraniani. Alcuni ti riportano ai primi secoli del cinema persiano.

Sono stati riprodotti oltre 2.500 trailer dal 1931 fino a oggi. Una raccolta di premi nazionali e transnazionali insieme a certificati dei film persiani sono esposti al pubblico; la maggior parte dei quali sono onori post-rivoluzionari. Inoltre, sono esposti quasi ottomila libri sui film e 400 scenari. Inoltre, nel museo sono presenti circa tremila documenti e registri di stato, contratti, documenti di proprietà ecc.

L’archivio visivo del museo, al momento, è composto da mille film iraniani oltre 500 trailer. I lavori di stampa comprendono 500 volumi di riviste, le cui date più antiche risalgono al 1930.

Cinematografi: nel museo sono esposti circa 300 vecchi e preziosi dispositivi, il più antico è di 88 anni fa, spesso realizzato da artigiani iraniani. Sono anche esposti vecchi vestiti, decorazioni e trucchi. L’edificio presenta interessanti architetture e giardini, con caffetterie, biblioteca e negozi nei quartieri, è un luogo di intrattenimento notevole in città. Tra le attrazioni vicine ci sono Palazzo Saadabad, Darband, Tajrish Bazaar e il santuario Imamzadeh.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi