/ Asse della Resistenza / Iran ricorda liberazione di Khorramshahr

Iran ricorda liberazione di Khorramshahr

Redazione on 24 maggio 2019 - 03:29 in Asse della Resistenza, Primo Piano

In Iran oggi ricorre il 37° anniversario della liberazione della città strategica di Khorramshahr durante la Guerra Imposta contro l’Iraq (1980-1988). I soldati iraniani posero fine a 575 giorni di occupazione della città da parte delle truppe irachene, grazie ad una valorosa operazione militare chiamata Beit ol-Moqaddas.

Khorramshahr

Khorramshahr, museo della Resistenza

Le forze militari iraniane lanciarono l’operazione nell’aprile del 1982 e liberarono Khorramshahr il 24 maggio dello stesso anno. Durante la riconquista della città, gli iraniani catturarono 19mila soldati dell’esercito iracheno. Nell’operazione morirono seimila militari iraniani e 24mila rimasero feriti.

La liberazione di Khorramshahr cambiò i rapporti di forza nella guerra tra Iran e Iraq a favore delle forze iraniane, mettendo in discussione le capacità militari del potente esercito di Saddam, sostenuto economicamente e militarmente dagli Stati Uniti e dai suoi alleati.

La Guerra Imposta, che durò otto anni, ebbe inizio quando l’Iraq, sotto la guida del dittatore Saddam Hussein, invase l’Iran il 22 settembre 1980. La guerra tra l’Iran e l’Iraq si concluse nel 1988, in seguito ad un intervento dell’Onu che ripristinò i confini precedenti all’inizio della guerra.

Nell’agosto del 1988, dopo otto anni di una guerra imposta al popolo iraniano e dopo la morte di oltre 1.5 milioni di uomini e donne (per il 60% iraniani) e 1,700mila feriti, la risoluzione 598 dell’Organizzazione delle Nazioni Unite con la sua proposta di cessazione delle ostilità, fu accettata dai due Paesi.

Forze armate rinnovano fedeltà all’Imam Khomeini

In occasione dell’anniversario della liberazione di Khorramshahr, i comandanti delle Forze armate della Repubblica islamica dell’Iran hanno rinnovato la loro fedeltà agli ideali del defunto Imam Khomeini presso il suo mausoleo. Il vice comandante in capo del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (Irgc), generale Ali Fadavi insieme ai comandanti delle forze armate ha partecipato ieri presso il Mausoleo dell’Imam Khomeini alla commemorazione e prestato la propria fedeltà agli scopi sublimi del padre fondatore della Rivoluzione Islamica Imam Khomeini.

di Giovanni Sorbello

Comments are disabled

Comments are closed.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi