/ Attualità / Venezuela: Usa, Brasile e Colombia pronti per intervento militare

Venezuela: Usa, Brasile e Colombia pronti per intervento militare

Redazione on 17 aprile 2019 - 02:08 in Attualità, Primo Piano

La vicepresidente del VenezuelaDelcy Rodriguez, ha dichiarato che “i funzionari degli Stati Uniti, del Brasile e della Colombia intendono ignorare la volontà del popolo venezuelano e avviare un intervento militare”.

venezuela“La comunità internazionale e le sue istituzioni per la protezione della legittimità in tutto il mondo dovrebbero sapere che un piano criminale è in cantiere per organizzare un attacco militare contro il Venezuela“, ha dichiarato lunedì la vicepresidente venezuelana, Delcy Rodriguez. “Funzionari statunitensi, brasiliani e colombiani intendono ignorare la volontà del popolo venezuelano e avviare un intervento militare”, ha aggiunto Rodriguez.

Se decidono di procedere con i loro piani, questi Paesi “commetteranno crimini contro l’umanità e dovranno assumersi la responsabilità a livello internazionale”, ha osservato la Rodriguez.

Il 23 gennaio, il portavoce dell’Assemblea nazionale venezuelana Juan Guaido si è autoproclamato presidente del Paese. Il presidente venezuelano Nicolas Maduro l’ha descritto come un tentativo di colpo di Stato e ha annunciato l’interruzione delle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti. Il 28 gennaio, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni alla compagnia petrolifera statale venezuelana Pdvsa.

Guaido è stato riconosciuto come presidente ad interim dai Paesi del gruppo di Lima (ad eccezione del Messico), nonché dall’Albania, dalla Georgia, dagli Stati Uniti e dall’Organizzazione degli Stati americani. Diversi paesi dell’Ue si sono fatti avanti con il sostegno al parlamento venezuelano e hanno espresso la speranza di nuove elezioni per risolvere la crisi.

Maduro è stato sostenuto da Russia, Bolivia, Iran, Cuba, Nicaragua, El Salvador e Turchia. La Bielorussia e la Cina hanno chiesto di risolvere tutte le questioni con mezzi pacifici e hanno parlato contro ogni interferenza dall’esterno. Il segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto il dialogo per risolvere la crisi.

di Redazione

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi