UniCredit pagherà 1,3 miliardi per violazioni sanzioni Usa

Visualizzazioni : 4

Una delle principali banche italiane, la UniCredit SpA e due sussidiarie hanno accettato di pagare 1,3 miliardi di dollari alle autorità statunitensi per risolvere le presunte violazioni delle sanzioni statunitensi all’Iran e ad altri Paesi.

Unicredit-sanzioni-IranUniCredit Bank AG, l’unità tedesca della banca, ha acconsentito a dichiararsi colpevole di accuse penali federali per aver illegalmente spostato centinaia di milioni di dollari attraverso il sistema finanziario statunitense per conto di entità sanzionate, ha riferito il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. La risoluzione pone fine a un’indagine durata sei anni che si è impadronita della banca e segue l’accordo di 1,1 miliardi di dollari della scorsa settimana da parte della Standard Chartered Plc con sede a Londra, con autorità statunitensi e britanniche per condotta analoga.

Le accuse colpevoli dell’unità tedesca sono collegate alle violazioni dei programmi di sanzioni statunitensi, incluse quelle relative all’Irisl, la compagnia di navigazione iraniana di proprietà dello Stato. Un’altra unità, UniCredit Bank Austria AG, ha stipulato accordi di non-procedimento con le autorità federali e statali.

UniCredit Bank AG, Bank Austria e la loro capogruppo, UniCredit SpA, hanno inoltre concordato di risolvere le indagini parallele con il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, il Consiglio dei governatori della Federal Reserve e il Dipartimento dei servizi finanziari di New York.

UniCredit ha dichiarato in una nota che le sanzioni dovute da ciascuna delle unità sono state interamente coperte dalle disposizioni già adottate. La banca aveva prenotato accantonamenti oltre l’accordo e, di conseguenza, avrà 300 milioni di euro (339 milioni di dollari) al netto delle imposte di ulteriori profitti nel primo trimestre. Il suo Core Tier 1 ratio – un’indicazione della solidità finanziaria – aumenterà di circa 8,5 punti base. La banca riferirà i risultati del primo trimestre il 9 maggio.

UniCredit ha dichiarato di aver accettato di mantenere un consulente indipendente per valutare i suoi miglioramenti e il programma di conformità, come parte dei suoi accordi con la Federal Reserve e il Dipartimento dei servizi finanziari di New York.

UniCredit ha ingaggiato “miliardi di dollari di transazioni con clienti di nazioni sanzionate, tra cui Iran, Libia e Cuba, e poi ha lavorato per coprire le loro tracce per evitare il rilevamento”, ha affermato la sostituta del commissario dei servizi finanziari di New York, Linda Lacewell.

La banca tedesca ha travestito le transazioni tra il 2002 e il 2011 in parte eliminando parole come Sudan e Teheran dai messaggi di pagamento alle istituzioni finanziarie di New York. Dieci banche diverse da UniCredit sono state penalizzate dalle autorità statunitensi e di Manhattan negli ultimi dieci anni per violazioni relative alle sanzioni.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi