Trump minaccia di ritirare Usa da Omc

Trump
Visualizzazioni : 94

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato ieri che gli Stati Uniti potrebbero ritirarsi dall’Organizzazione mondiale del commercio (Omc), a seguito di quelli che sostiene siano anni di maltrattamenti da parte dell’organizzazione. “Partiremo se dobbiamo”, ha detto Trump durante una manifestazione di campagna a Pittsburgh. “Ci stanno fregando da anni e non succederà più”.

Trump

Trump ha affermato che gli Stati Uniti non hanno bisogno dell’Omc se l’organizzazione non riesce ad affrontare le lacune che favoriscono determinate nazioni. “Considerano alcuni Paesi come la Cina, l’India – li hanno visti crescere, sono nazioni in crescita. […] Beh, sono cresciuti e hanno avuto enormi vantaggi. Non stiamo lasciando che ciò accada più”, ha dichiarato il presidente Usa.

Trump ha ripetutamente ribadito le sue critiche all’Omc, sostenendo che gli Stati Uniti sono svantaggiati come membri del blocco globale. Il presidente degli Stati Uniti ha anche ripetutamente definito l’Omc una “catastrofe” per gli Stati Uniti. Trump ha recentemente diretto il rappresentante commerciale statunitense Robert Lighthizer per garantire cambiamenti nel gruppo che impedirebbe ai Paesi in via di sviluppo di utilizzare le lacune normative.

La Casa Bianca ha sottolineato in un memorandum che la Cina e molti altri Paesi continuano a definirsi Paesi in via di sviluppo “consentendo loro di godere dei benefici che derivano da tale status e di cercare impegni più deboli di quelli assunti da altri membri dell’Omc”.

Poco dopo l’emissione del memorandum, Trump ha dichiarato che l’Omc è “complice” di quei Paesi più ricchi del mondo che dichiarano di essere Paesi in via di sviluppo e ricevono un trattamento speciale per evitare le regole dell’Omc.

Il memorandum sottolinea che sette delle dieci economie più ricche del mondo – misurate dal Pil pro capite su una base del potere d’acquisto – attualmente rivendicano lo status di Paese in via di sviluppo: Brunei, Hong Kong, Kuwait, Macao, Qatar, Singapore, e gli Emirati Arabi Uniti.

La Cina, la seconda economia più grande del mondo, è stata identificata dagli Stati Uniti come la principale violazione delle normative dell’Omc. Da quando ha aderito all’organizzazione internazionale, la Cina ha insistito sul fatto che si tratta di un Paese in via di sviluppo, secondo il memorandum.

Discussioni sulla riforma dell’Omc sono in corso da anni e i 164 Stati membri dell’organizzazione non hanno ancora raggiunto un consenso. Sono divisi in due campi, con un gruppo di Stati – compresa la Russia – che sostengono l’ulteriore sviluppo dell’organizzazione e un altro che chiede lo sviluppo di un nuovo formato per il blocco.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi