Sanzioni Usa uccidono i malati di cancro iraniani

sanzioni
Visualizzazioni : 130

Il regime americano afferma che la massima pressione non fermerà l’offerta di medicine e altre necessità umanitarie, ma le sanzioni bancarie stanno aumentando i prezzi delle importazioni, bloccando le catene di approvvigionamento e creando gravi carenze di medicine. Il mese scorso, il Dipartimento di Stato americano ha pubblicato un video indirizzato al popolo iraniano. Nel video, il funzionario dell’amministrazione Trump, Brian Hook, afferma che è un “mito” che le sanzioni mirano all’accesso dell’Iran ai prodotti farmaceutici. Per più di un decennio, i medici iraniani hanno lottato per proteggere i pazienti dalle conseguenze delle sanzioni statunitensi. Hanno studiato gli impatti delle sanzioni sul settore sanitario iraniano e auspicato risposte migliori da parte del governo. Le scoperte fatte chiariscono che i danni inflitti ai pazienti iraniani non sono mitologia.

sanzioni

Il mondo integrato e interconnesso di oggi dipende dai sistemi bancari e dalle reti commerciali dominate dagli Stati Uniti. Di conseguenza, il governo degli Stati Uniti è in grado di utilizzare sanzioni economiche per causare danni alle relazioni economiche, politiche e persino sociali nei Paesi target con relativa facilità. Sebbene le sanzioni statunitensi siano progettate in un modo che potrebbe non mirare all’accesso al cibo e alla medicina, in pratica le sanzioni statunitensi funzionano come uno strumento di guerra economica.

I funzionari di Washington continuano a insistere sul fatto che mantengano “esenzioni” alle loro sanzioni per proteggere il commercio umanitario, anche dopo che la Corte internazionale di giustizia ha stabilito che tali esenzioni sono insufficienti, lasciando “poche prospettive di miglioramento” nel “grave impatto dannoso sulla salute” degli iraniani. Sotto la presidenza di Donald Trump, la situazione è peggiorata. I dati dell’Ufficio censimento mostrano che gli Stati Uniti hanno esportato in media 26 milioni di dollari di prodotti farmaceutici in Iran ogni anno durante le sanzioni dell’era Barack Obama. Le esportazioni hanno registrato una media di soli 8,6 milioni di dollari negli ultimi due anni, secondo le politiche di sanzioni più draconiane di Trump.

L’amministrazione americana ha anche reso più difficile per i Paesi europei esportare medicine in Iran. Le esportazioni svizzere di prodotti farmaceutici in Iran sono diminuite del 30% da 235 milioni di franchi svizzeri (240 milioni di dollari) nel 2017 a 163 milioni di franchi (167 milioni di dollari) l’anno scorso, secondo i dati doganali svizzeri. Anche se le sanzioni sono state completamente reintrodotte solo nel novembre 2018, le esportazioni svizzere quell’anno sono scese al di sotto della media annuale di 173 milioni di franchi osservata dal 2008 al 2015. Allo stesso modo, le esportazioni farmaceutiche francesi verso l’Iran sono diminuite del 25% da 194 milioni di euro a 146 milioni di euro l’anno scorso, scendendo al di sotto della media 2008-2015 di 150 milioni di euro, secondo i dati di Eurostat.

In risposta a tali pressioni e nell’ambito delle sue politiche di autosufficienza post-rivoluzione, l’Iran ha fatto passi da gigante nella salvaguardia dell’accesso dei suoi cittadini alle cure mediche. L’Iran è leader mondiale nella produzione di farmaci generici, contribuendo a ridurre significativamente il costo dell’assistenza sanitaria. Secondo Akbar Barandegi, direttore generale della Food and Drug Administration iraniana, quasi il 97% delle dosi farmaceutiche necessarie nel Paese sono fornite da circa 100 aziende farmaceutiche locali, la maggior parte delle quali appartiene al settore privato. Solo il 3% della domanda è soddisfatta dalle importazioni, acquistate da molte delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo. Questi acquisti possono costituire solo una piccola parte della domanda totale, ma si riferiscono a farmaci specifici fondamentali per il benessere di molti pazienti, in particolare quelli con malattie avanzate o croniche.

L’anno scorso, alcuni medici che lavorano nel campo dell’oncologia pediatrica hanno pubblicato su Lancet una nota che mostra che i farmaci chemioterapici come l’asparaginasi, la mercaptopurina per il trattamento della leucemia e persino il paracetamolo antidolorifico di base erano esauriti, minacciando il trattamento di migliaia di bambini. L’accesso a questi farmaci è stato notevolmente interrotto a causa delle sanzioni statunitensi contro l’Iran. Questa interruzione assume tre forme primarie. In primo luogo, le sanzioni incidono sulla disponibilità delle importazioni. Mentre le importazioni rappresentano solo il 3 percento della domanda totale dell’Iran per unità, rappresentano il 39 percento del fabbisogno del Paese in termini di valore, riflettendo il fatto che i medicinali importati sono in genere cinque volte più costosi degli equivalenti fabbricati in patria. Proprio come per le materie prime, le restrizioni bancarie hanno reso più difficile per gli importatori iraniani pagare i medicinali europei e asiatici. La carenza di medicinali importati e i costi alle stelle stanno mettendo a rischio i pazienti più vulnerabili, quelli con malattie rare o avanzate.

Vi è una particolare preoccupazione per il rischio per i malati di cancro pediatrici. Di fronte a queste interruzioni delle importazioni, gli opportunisti hanno iniziato a contrabbandare medicinali di bassa qualità in Iran attraverso rotte dal Pakistan, dalla Turchia e dagli Emirati Arabi Uniti. Se le interruzioni dovessero peggiorare, potrebbe anche portare all’introduzione di ingredienti contraffatti o impuri per i farmaci di fabbricazione nazionale, portando non solo a farmaci di bassa qualità, ma anche a nuovi rischi per la salute pubblica.

In secondo luogo, le sanzioni interrompono la produzione interna interrompendo le catene di approvvigionamento. I produttori farmaceutici iraniani utilizzano oltre 10mila composti diversi nei loro processi di produzione. La pressione delle sanzioni statunitensi e l’effetto agghiacciante sulle banche internazionali hanno già reso impossibile per molti fornitori ricevere pagamenti affidabili per le materie prime vendute all’Iran. Alcuni farmaci richiedono 15 sostanze di diversi produttori in vari Paesi per essere prodotti. L’assenza di una sola sostanza arresta la produzione di quel medicinale.

Infine, l’impatto delle sanzioni sull’economia iraniana fa male sia agli operatori sanitari che ai consumatori riducendo il potere d’acquisto. Le minori entrate del governo e il ridotto accesso alle valute estere mettono a dura prova le spese per l’assistenza sanitaria, rendendo più difficile la fornitura di farmaci importati per i pazienti anche quando gli ospedali li hanno in stock. Secondo i dati diffusi dalla Banca centrale dell’Iran, il costo dell’assistenza sanitaria in Iran è aumentato di quasi il 20% tra novembre 2017 e novembre 2018.

Il calo della produzione creerà anche disoccupazione. Il Sindacato delle industrie farmaceutiche iraniane stima che i produttori farmaceutici impiegano circa 25mila dipendenti, mentre altri 100mila lavoratori sono impiegati in società di distribuzione, farmacie e assistenza post-vendita. Questi lavoratori sono tra i migliori e più brillanti dell’Iran e circa il 20 percento degli occupati è laureato. È in gioco il loro futuro. Quelle che possono sembrare sanzioni bancarie sterili sono davvero molto più pericolose. Queste sanzioni ostacolano l’accesso del pubblico iraniano – in particolare i poveri, gli anziani, i bambini, le donne e i pazienti che soffrono di malattie croniche – ai farmaci di cui hanno bisogno.

Le medicine diventano più costose e di qualità peggiore. Una catena di approvvigionamento inaffidabile porta a un trattamento incompleto delle malattie e alla loro cronicizzazione. La crisi si aggrava quando il rallentamento della produzione interna aumenta la necessità del Paese di importare farmaci. Tutto ciò sta accadendo sullo sfondo delle risorse tese del governo iraniano in quanto è costretto a importare medicinali a un prezzo più elevato in quei casi in cui è disponibile un canale bancario.

I leader responsabili negli Stati Uniti riconoscono che c’è poco da guadagnare soffocando il commercio umanitario. I governi europei hanno cercato chiarezza sul commercio umanitario, ma inutilmente. Ciò ha costretto la Francia, la Germania e il Regno Unito a istituire uno strumento per scopi speciali, chiamato Instex, per cercare di facilitare il commercio umanitario. Gli iraniani accolgono con favore questa mossa, ma gli Stati Uniti non dovrebbero sottrarsi alle proprie responsabilità morali. Il governo svizzero sta negoziando direttamente con l’amministrazione Trump su un canale bancario per il commercio umanitario, ma i suoi sforzi sono stati finora bloccati da funzionari che cercano l’interpretazione più estrema della “massima pressione”. I fornitori europei dell’Iran comprendono che questa situazione è terribile, ma l’amministrazione Trump rimane ostile.

Sanzioni durante conflitto Iran-Iraq

Durante la guerra Iran-Iraq, gli Stati Uniti non solo hanno rifiutato di imporre sanzioni all’Iraq per scoraggiare l’uso di agenti nervosi, ma hanno anche rifiutato di aiutare l’accesso dell’Iran agli antidoti necessari per curare le vittime di attacchi chimici. Durante la guerra Iran-Iraq, gli Stati Uniti hanno chiuso un occhio sull’uso da parte di Saddam Hussein di armi chimiche contro soldati e civili iraniani e curdi. Le armi chimiche di Saddam hanno bruciato i polmoni e gli occhi, causando lesioni per tutta la vita. Dopo 40 anni, il governo degli Stati Uniti continua a soffrire degli stessi fallimenti morali. Decine di migliaia di morti indotte dalle sanzioni non sono un mito.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi