/ Medio Oriente / Hashd al-Shaabi fermano militari Usa sul confine siriano

Hashd al-Shaabi fermano militari Usa sul confine siriano

Redazione on 17 gennaio 2019 - 04:16 in Medio Oriente, Primo Piano

I combattenti iracheni delle Unità di mobilitazione popolare Hashd al-Shaabi hanno bloccato una “sospetta missione di ricognizione” da parte delle forze militari statunitensi, tesa a raccogliere informazioni critiche sui movimenti e le postazioni delle forze volontarie nella provincia occidentale di Anbar e sul confine con la Siria.

Hashd al-Shaabi Il comandante delle forze volontarie Hashd al-Shaabi in Western Anbar, Qassim Mosleh, ha dichiarato martedì alla rete televisiva irachena al-Sumaria che l’azione degli Stati Uniti equivale alla violazione della sovranità irachena e avrebbe potuto mettere seriamente a rischio le truppe di confine irachene esponendo i loro schieramenti e depositi di armi ai gruppi terroristici. Mosleh ha aggiunto che i combattenti di Hashd al-Shaabi hanno costretto le truppe americane a tornare alla loro base, senza avvicinarsi a loro.

Il ruolo determinante delle milizie Hashd al-Shaabi

Hashd al-Shaabi è un’organizzazione ombrello sponsorizzata dallo Stato iracheno costituita da circa 40 gruppi e composta principalmente da musulmani sciiti. Questa milizia può contare su oltre 100mila combattenti. Le Autorità irachene affermano che all’interno delle Unità di mobilitazione popolare ci sono tra 25mila e 30mila combattenti tribali sunniti nei suoi ranghi, oltre alle unità Izadi e cristiani curdi.

Le milizie sciite hanno svolto un ruolo importante nella liberazione delle aree occupate da Daesh a sud, a nord-est e nord della capitale irachena Baghdad. L’Iraq ha ripetutamente condannato le accuse di settarismo rivolte ad Hashd al-Shaabi. Lo scorso dicembre, Baghdad ha condannato Riyadh per ingerenza negli affari interni dell’Iraq, dopo che il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir, ha dichiarato che l’Iraq non può realizzare l’unità del Paese con la presenza delle Unità di mobilitazione popolare. L’Arabia Saudita ha più volte etichettato le Hashd al-Shaabi come movimento sciita ed ha chiesto lo smantellamento del gruppo.

di Redazione

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi