Catalogna segnata dalle divisioni interne

Catalogna
Visualizzazioni : 20

Erano in migliaia ieri per le strade di Barcellona per celebrare la festa nazionale della Catalogna, ma non c’era più quel milione di manifestanti degli anni precedenti. Molti catalani a favore dell’indipendenza hanno rinunciato al Diada, sfiniti dal battibecco politico interno e dal verdetto imminente contro 12 leader incarcerati per il loro presunto ruolo nel referendum del 2017.

Le celebrazioni dell’11 settembre in Catalogna commemorano la caduta di Barcellona per mano delle truppe borboniche nel 1714 e la conseguente perdita della loro sovranità.

Oggi persistono rimostranze storiche e molti catalani ritengono che il governo centrale di Madrid sia intenzionato a reprimere il proprio movimento e si aspettano che i tribunali spagnoli scontino pene severe contro i loro leader. Si prevede che la Corte suprema spagnola emetterà le sentenze entro la metà di ottobre e i partiti a favore dell’indipendenza devono ancora concordare una risposta in caso di verdetto di colpevolezza.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha disegnato l’ira del separatista riferendosi alla Catalogna come territorio. Ha chiarito che la Spagna non è disposta a concedere presto e presto un referendum sull’indipendenza in Catalogna. Le divergenti divisioni all’interno del blocco separatista hanno messo a dura prova il movimento pro-indipendenza della Catalogna. 

Catalogna e questione catalana

La questione catalana continua a suscitare forti tensioni nell’intera Spagna. La Catalogna non è poi così grande, 32mila chilometri quadrati con circa 7,5 milioni di abitanti, ma è il motore economico dello Stato, e le altre regioni, Province Basche e Galizia escluse, sono contrarie ad una secessione che le priverebbe delle entrate fiscali catalane. Ma la Catalogna una Nazione è, non solo per tradizioni, identità, storia e cultura, ma addirittura anche per la lingua, visto che il catalano non ha nulla a vedere con il castigliano (spagnolo) che si parla a Madrid e nel mondo.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi