Washington Post: bin Salman il nuovo Saddam Hussein

Visualizzazioni : 9

Un articolo del direttore del Washington Post, Jackson Diehl, descrive il principe ereditario saudita Mohammad bin Salman come il nuovo Saddam Hussein.

Bin-Salman“C’era una volta un dittatore brutale e spericolato di un Paese arabo ricco di petrolio che, nonostante i suoi eccessi ben documentati, è stato sostenuto dagli Stati Uniti e da altri governi occidentali”, ha scritto Jackson Diehl in un articolo pubblicato ieri sul Washington Post.

Anche se i crimini di Saddam Hussein erano terribili, probabilmente non c’era alternativa per mantenere la linea contro l’Iran, così “finché continuava a rifornirsi di petrolio e si opponeva all’Iran, era libero di massacrare i suoi avversari e fare il prepotente con i suoi vicini”.

“La scommessa fatta su di lui dagli Stati Uniti e dai suoi alleati ha portato direttamente all’invasione del Kuwait da parte dell’Iraq nel 1990, e da lì alle” guerre senza fine “in Medio Oriente falsamente osteggiate dall’establishment della politica estera dell‘Occidente“.

Eppure, 30 anni dopo, quei politici ripetono ciecamente lo stesso errore, dichiarando che detestano i crimini manifesti del principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, incluso l’omicidio del giornalista del Post, Jamal Khashoggi, le torture e le incarcerazioni di donne attiviste per i diritti, vedono la sua campagna di bombardamenti nello Yemen come un disastro, ma al vertice del Gruppo dei 20 a Osaka, in Giappone, una settimana fa, si sono riuniti allegramente attorno a lui. Non solo il presidente Trump, ma anche i primi ministri e i presidenti delle grandi democrazie europee, e non solo loro, ma anche i leader di India, Corea del Sud e Giappone, che hanno ricevuto Mohammed bin Salman calorosamente negli ultimi sei mesi”. Il motivo di questa calorosa accoglienza, aggiunge lo scrittore, è perché bin Salman è alleato con gli Stati Uniti e Israele contro l’Iran.

Jackson Diehl ha poi fatto riferimento alla solitaria inchiesta di cinque mesi di Agnes Callamard, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie, nell’assassinio e nello smembramento di Khashoggi all’interno del Consolato saudita a Istanbul lo scorso ottobre. Undici operativi di livello inferiore sono accusati per l’omicidio. Il rapporto ha anche chiesto l’imposizione di sanzioni a Mohammed bin Salman e alle sue attività estere “fino a quando non verrà confermato che non ha alcuna responsabilità per questa esecuzione”. “Il silenzio ufficiale che ha accolto il rapporto è stato assordante”, aggiunge lo scrittore.

Durante una visita a Washington la scorsa settimana, Callamard è apparso imperterrito. “Molti governi hanno tentato di seppellirlo e dire ‘Andiamo avanti’, ma quell’omicidio non sparirà”, ha dichiarato durante un’apparizione al Brookings Institution. “… finché Trump è presidente, è improbabile che Mohammed bin Salman affronti la sanzione diretta degli Stati Uniti”, afferma lo scrittore.

“Come Saddam Hussein prima di lui, Mohammed bin Salman gode di una totale immunità, per cui le donne che ha ordinato di torturare sono ancora in prigione, i suoi aerei stanno ancora bombardando lo Yemen e sta facendo i primi passi verso l’acquisizione di armi nucleari. Bisognerebbe fermarlo ora, farlo più tardi comporterebbe un costo molto più alto da pagare”.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi