/ Asia / Viaggi in Iran: sei milioni di turisti e otto miliardi di dollari

Viaggi in Iran: sei milioni di turisti e otto miliardi di dollari

Redazione on 7 agosto 2017 - 12:15 in Asia, Cultura, Primo Piano

Viaggi in Iran: sei milioni di turisti e otto miliardi di dollari. Gia’ tutto esaurito per l’autunno 2017 nelle città d’arte. Nello spazio tra il 21 marzo 2016 ed il 20 marzo 2017, (anno 1395 del calendario persiano), sei milioni di turisti sono giunti in Iran dando un contributo alle casse dello Stato persiano quantificabile in otto miliardi di dollari.

E’ il dato annunciato dall’Organizzazione per il Patrimonio Culturale, il Turismo e l’Artigianato dell’Iran che è sicuramente uno dei cavalli di battaglia dell’amministrazione Rohani per il suo brillante operato, ed è guidato da una donna, Zahra Ahmadi Pour, che in base alla costituzione iraniana risulta pure uno dei vice-presidenti della Repubblica. Il dato dei sei milioni mostra un incremento considerevole rispetto all’anno precedente (5,2 milioni di persone), ma soprattutto rispetto a due anni prima (quattro milioni di persone).

E’ ancora pochissimo, sia come numero che come introiti, per un Iran che tra i primi 10 Paesi al mondo per ricchezza del Patrimonio storico e naturale (dati Unesco), ma è un dato che trasforma sempre più il turismo in un settore importante per l’economia di Teheran.

Il Trend è positivo ma…

Secondo i dati internazionali, nella voce “priorità dell’industria del turismo”, l’Iran su un totale di 136 nazioni, è passato dal 130esimo posto del 2015 al 117esimo posto.

Per quanto riguarda la competitività nel settore del turismo, l’Iran è salito dal 97esimo posto del 2015 al 93esimo nel 2017. Per le infrastrutture turistiche, il miglioramento non è stato grandioso; dalla 119esima posizione del 2015 al 116esimo posto nel 2017.

Nel 2013, l’Iran aveva in tutto 125 alberghi a 4 e 5 stelle; oggi ne ha 30 in più e fino al 21 marzo 2018 se ne aggiungeranno altri 25 a quelli attuali. Oltre ai tappeti ed ai gioielli, si stima che nell’ultimo anno l’Iran abbia esportato poco meno di un miliardo di dollari di prodotti di artigianato ed il 75% di questi sarebbe stato acquistato dai turisti in viaggio.

Già tutto esaurito per l’autunno

Basta prendere la cornetta e chiamare la sezione prenotazioni di un qualunque albergo a 4 o 5 stelle a Isfahan, Teheran, Yazd o Shiraz. “Tutto esaurito”, è la formula ripetitiva, e ciò non per ora ma addirittura per i mesi di ottobre e novembre, alta stagione turistica in Iran. Questa verità, può essere considerata indice di una stagione in arrivo molto proficua per l’Iran, ma è anche dimostrazione della mancanza di un numero adeguato di alberghi. In alcuni hotel è diventato quasi impossibile prenotare. All’albergo Abbasi, il migliore di Isfahan, è necessario prenotare con nove mesi di anticipo.

C’è ancora molto da fare

Insomma, il trend fatto registrar dall’Iran è positivo, ma è chiaro che bisogna ancora lavorare molto, perlomeno per poter avere, ciò che il Paese erede dell’antica Persia potrebbe tranquillamente ottenere, considerando l’abbondanza di meraviglie che racchiude.

di Davood Abbasi

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi