/ Medio Oriente / Usa: spesi oltre due miliardi di dollari per presunta guerra all’Isil

Usa: spesi oltre due miliardi di dollari per presunta guerra all’Isil

Redazione on 23 febbraio 2019 - 08:38 in Medio Oriente, Primo Piano

Isil – La guerra al terrore inaugurata 16 anni fa dall’allora presidente americano George W. Bush, proseguita più o meno regolarmente durante gli anni sotto la presidenza Obama, ed oggi sotto la presidenza Trump, a giudicare dalle stime economica, non ha davvero sortito l’effetto sperato.

isilCi sono moltissimi studi di professori di di versi Paesi stranieri, i quali sono convinti che la guerra al terrore del presidente Bush contro gli “Stati canaglia” ha addirittura peggiorato la situazione mediorientale da un punto di vista economico, sociale, politico. Inoltre, alcuni di tali intellettuali tra cui Gilles Kepel, professore all’Istituto di Studi Politici a Parigi (Iep), hanno più volte manifestato come la guerra al terrore che doveva radicalmente sradicare il terrorismo, l’ha paradossalmente rafforzato aumentando il malcontento sociale.

Sono cambiati gli attori in campo ma la tattica e la situazione internazionale sembrano ancora le stesse. L’attuale guerra in Medio Oriente tra gli Stati Uniti, appoggiati da vari altri Stati dell’area “mediorientale” e non, contro la minaccia terroristica dello “Stato Islamico” non sembra stia portando a risultati positivi. Infatti, sulla base di rapporti firmati dal Pentagono, i costi delle operazioni militari degli Stati Uniti in Iraq e Siria hanno toccato cifre esorbitanti e finora hanno superato i due miliardi di dollari.

Gli attacchi sono iniziati nell’agosto del 2014, quando il presidente Barack Obama ha identificato l’Isil come una minaccia per gli interessi americani. Per questa ragione gli Stati Uniti insieme con i suoi alleati arabi – Arabia Saudita, Bahrain, Qatar, Giordania e gli Emirati Arabi Uniti – hanno condotto bombardamenti aerei in Siria, senza nessuna autorizzazione, né da Damasco né dalle Nazioni Unite.

La storia tragicamente si ripete. Ad oggi non si vede niente di nuovo sul fronte orientale ed è lampante come anche questa campagna militare abbia condotto ad un sostanziale fallimento, sebbene non sia ancora terminata.

In un’intervista rilasciata a Cbs, il presidente siriano Bashar Al-Assad ha dichiarato che i bombardamenti aerei degli Usa non hanno colpito l’Isil, al contrario, hanno supportato le operazioni del gruppo terroristico.

Certamente un motivo destabilizzante in più è dato dalle politiche contraddittorie dell’amministrazione statunitense, basti pensare che in Giordania, i mercenari dello stesso gruppo erano appoggiati ed economicamente sovvenzionati dalla Cia per rovesciare il governo siriano, godendo dell’instabilità politica della Siria.

di Carolina Ambrosio

Comments are disabled

Comments are closed.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi