Usa, quasi mille i civili assassinati dalla polizia nel 2015

Visualizzazioni : 34

di Cristina Amoroso

“La polizia ci protegge o ci toglie la vita?”. Questa è la domanda posta al sindaco di Chicago da Janet Cooksey, la madre di Quintonio Legrier, ragazzo di 19 anni con disturbi mentali, definito “soggetto combattivo” dalla polizia che lo colpisce a morte insieme ad un’altra vittima, Bettie Jones, sua vicina di casa, madre di cinque figli. Solo due giorni prima a Detroit un poliziotto aveva ucciso un presunto ladro disarmato, colpevole di avere violato la libertà vigilata.

Sono questi gli ultimi episodi di grave violazione dei diritti civili da parte delle forze dell’ordine statunitensi, che continuano ad accendere tensioni per le modalità brutali attuate nei confronti di afroamericani ed ispanici.

Gli agenti di sicurezza, assunti dal popolo per proteggere le loro comunità, sono eroi o criminali quando un solo proiettile sparato al vertice di un inseguimento carico di adrenalina pone termine ad una vita, o quando un poliziotto bianco spara ad un ragazzo afroamericano di 17 anni per 16 volte?

Negli Stati Uniti l’applicazione della legge ha tolto la via a quasi mille civili nel corso del 2015, secondo un report del Washington Post. Nello studio durato un anno, il Washington Post ha rivelato che gli incidenti che hanno acceso proteste in molte comunità degli Stati Uniti – il più delle volte, gli agenti di polizia bianchi hanno ucciso inermi uomini neri – rappresentano meno del 4 per cento delle sparatorie mortali della polizia.

Il Post ha anche scoperto che la grande maggioranza delle persone che sono morte per mano della polizia appartenevano ad una di queste tre categorie: o stavano brandendo armi, o erano mentalmente turbati, o correvano quando gli agenti hanno intimato loro di fermarsi.

Il database del Post, completo di interviste, rapporti di polizia, resoconti di notizie locali e di altre fonti, raccoglie più di una dozzina di dettagli su ogni uccisione, compresi gli eventi che hanno portato all’incontro fatale, se la persona uccisa era armata, e dati demografici su ogni persona. Il Post continuerà il monitoraggio delle sparatorie mortali da parte della polizia nel 2016.

Sta di fatto che migliaia sono i morti, ma pochi i perseguiti, come dimostra un’analisi condotta da The Washington Post e dai ricercatori della Bowling Green State University. Tale analisi, basata su una vasta gamma di registri pubblici e interviste con le forze dell’ordine, giudiziarie e di altri esperti legali, ha cercato di individuare per la prima volta tutti gli agenti di polizia che hanno affrontato spese per tali processi, registrate dal 2005. Questi rappresentano una piccola frazione delle migliaia di sparatorie mortali della polizia che si sono verificati in tutto il Paese in quel periodo.

Tra le migliaia di sparatorie mortali per mano della polizia dal 2005, solo 54 agenti sono stati accusati. Ma anche nei casi più estremi ed evidenti di violazione dei diritti civili da parte delle forze dell’ordine, la maggior parte non sono stati condannati. E quando sono condannati o si sono dichiarati colpevoli, stanno poco tempo dietro le sbarre, in media quattro anni e, a volte, solo poche settimane. I giurati sono molto riluttanti a punire gli agenti di polizia, che tendono a vedere come tutori dell’ordine, secondo i pubblici ministeri e gli avvocati difensori.

Dopo la morte di Michael Brown la scorsa estate, le preoccupazioni circa il razzismo in polizia sono esplose nel dibattito pubblico, in particolare, se gli ufficiali bianchi usano una forza eccessiva quando si tratta di minoranze e se il sistema di giustizia penale protegge i diritti delle vittime. Tra gli ufficiali incriminati dal 2005 per sparatorie mortali, più di tre quarti erano bianchi. Due terzi delle loro vittime appartenevano a minoranze.

Nel dibattito sulla violenza da parte della polizia, i dati su come gli americani percepiscono l’uso spropositato della forza da parte degli agenti si stanno alterando notevolmente grazie agli strumenti tecnologici, come il video che cattura la morte di David Kassick su un campo coperto di neve vicino a casa di sua sorella a Hummelstown, Pa. In due minuti e 10 secondi di filmato straziante, il video Kassick serve come un test di Rorschach quasi perfetto nel dibattito nazionale se e quando è giustificabile per un agente togliere la vita.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi