Usa e alleati coinvolti nella violenza in Iraq

Iraq
Visualizzazioni : 55

Nelle ultime settimane, le città meridionali dell’Iraq e la capitale Baghdad sono state teatro di violenti scontri tra manifestanti e forze di sicurezza. I manifestanti chiedono al governo di migliorare i servizi pubblici, offrire lavoro ai giovani e combattere la corruzione. Hanno anche criticato le politiche economiche del Primo ministro Abdul-Mahdi e lo hanno invitato a dimettersi. Il governo iracheno nella sua reazione iniziale ha dichiarato di aver formato un comitato per avviare un’indagine sulle violenze, mentre ha incontrato i rappresentanti della protesta per ascoltare le loro richieste. Per chiarire gli sviluppi, riportiamo l’intervista fatta dall’agenzia Alwaght all’esperto iraniano degli affari dell’Asia occidentale, Hassan Hanizadeh. 

Quali sono le radici e le cause delle proteste?

Non vi sono dubbi sul fatto che i giovani iracheni siano scesi nelle strade di diverse città per esprimere le loro richieste legali. Non vi è inoltre alcun dubbio che le loro richieste siano legittime e il governo sa che ci sono state alcune carenze quando si tratta di fornire servizi di assistenza sociale da parte sua e dei suoi predecessori. Due fattori in queste dimostrazioni mostrano che squadre sospette hanno pianificato queste manifestazioni un paio di mesi in anticipo. Il primo è il tempismo. Sono arrivati alle soglie della marcia religiosa di Arbain. In secondo luogo, la direzione degli slogan. Inizialmente erano contrari alla corruzione e ai servizi scadenti, ma gradualmente hanno cambiato rotta. 

L’anno scorso, quando milioni di persone provenienti da 80 Paesi sono entrati nella piccola città di Karbala, gli slogan chiave hanno suscitato l’ira degli Stati Uniti, del regime israeliano e dell’Arabia Saudita. Gli slogan come “labbaik ya Husayn” (o siamo al tuo servizio nell’Imam Husayn), “hayhat minna I-dhilla” (mai all’umiliazione) e al-Husayn yejmana “(l’amore di Husayn ci riunisce) tre slogan strategici delle marce di Arbain. Se continua così, le marce dell’Arbain diventeranno un fenomeno globale e contribuiranno quindi a rafforzare ulteriormente il potere dell’Asse della Resistenza, un campo regionale guidato dall’Iran e che copre Iraq, Libano, Siria e Yemen contro i progetti coloniali occidentali nella regione. 

Dopo l’Arbain dell’anno scorso, ci sono state alcune mosse tra cui il bombardamento delle Forze di mobilitazione popolare irachene da parte degli aerei da guerra israeliani in Iraq. Pressioni sul governo iracheno per ridurre le relazioni con l’Iran e accuse contro i religiosi sciiti. Tutte queste pressioni hanno preceduto le manifestazioni. Alcune parti politiche sciite, in gran parte conosciute in Iraq come gli “sciiti delle ambasciate”, e anche i resti del partito baathista sono state strumenti per l’ambasciata americana. Il denaro saudita, d’altra parte, ha preparato il terreno e portato i giovani in strada con l’obiettivo di ostacolare le celebrazioni di Arbain, insultare i chierici e criticare la presenza iraniana in Iraq.

Perchè le proteste si sono rapidamente trasformate in violenza?

Persone sospette approfittando delle manifestazioni sono scese in strada con obiettivi specifici. Hanno iniziato la violenza e danneggiato luoghi pubblici e servizi pubblici. Le forze di polizia hanno reagito per fermare questi vandali. Nelle violenze, diversi membri delle forze di sicurezza sono stati uccisi dai manifestanti. 

L’obiettivo degli Stati Uniti, dell’Arabia Saudita e del regime israeliano, insieme ai resti del partito baathista e ad alcuni gruppi laici sciiti associati all’ambasciata americana è portare le proteste alla violenza, coinvolgere le celebrazioni di Arabain e scatenare una guerra civile settaria nel Paese. Quindi, possiamo suggerire che la violenza è il risultato della manipolazione delle manifestazioni da parte di elementi baathisti anti-iraniani e anti-sciiti che sono tornati sulla scena dopo diversi anni e cercano di spingere le proteste pacifiche nella violenza. 

Come si svilupperanno le proteste nei prossimi giorni?

L’obiettivo è di continuare le violenze anche oltre l’Arbain. Il Primo Ministro in un messaggio ha dichiarato che il governo ha il pieno controllo della situazione e costituito un comitato per negoziare e rispondere ai giovani manifestanti. Sta parlando con i loro leader. Si prevede che la cospirazione americano-israeliana verrà presto vanificata. 

L’impatto di queste proteste sul futuro del governo?

Washington sta perseguendo pesantemente la cacciata del Primo Ministro Abdul-Mahdi. Tutti i media occidentali e arabi al servizio degli interessi statunitensi ora si concentrano su una cosa: dipingere come incompetente il governo del Primo Ministro. Negli ultimi mesi, Abdul-Mahdi ha sfidato le pressioni di Washington e dei suoi alleati regionali per ridurre le relazioni con Teheran. Dall’altra parte, ha viaggiato in Cina, il rivale globale degli Stati Uniti, e ha parlato di affari con Pechino. Queste mosse hanno fatto infuriare la Casa Bianca spingendola a ideare un complotto per rimuoverlo. Nonostante ciò, il governo di Abdul-Mahdi è forte e in quanto a corruzione è più sano rispetto ai precedenti governi.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi