Un’Italia disgustata diserta le elezioni

Visualizzazioni : 15

di Salvo Ardizzone

Urne vuote e seggi disertati dagli elettori disgustati hanno caratterizzato le elezioni in Emilia e Calabria; il Pd riesce a far eleggere i propri candidati in entrambe le Regioni, Bonaccini a Bologna e Oliverio a Cosenza, ma solo la ridicola arroganza del nostro Premier gli può far dire: “Vittoria netta”, e ancora: “Bene i risultati: 2–0 netto”. Una partecipazione al voto del 44% in Calabria e addirittura sotto il 38% in Emilia Romagna, territorio da sempre caratterizzato da una massiccia partecipazione elettorale, registra tutto il distacco e il rigetto di una casta politica, tutti inclusi, arrogante e autoreferenziale quanto lontana dalla gente reale che urla il suo disagio.

Perdere tempo in dotte analisi è inutile, vista l’inconsistenza dei protagonisti, solo qualche considerazione, primo: dopo un simile risultato è più che mai lampante che gli elettori, posti dinanzi a scelte prive di credibilità, tutte, hanno protestato nell’unico modo loro concesso, rifiutando in massa di scegliere fra candidati improbabili quanto improponibili.

Secondo: a Renzi e al gruppo di potere che va coagulando intorno a lui sostituendo chi c’era prima, una simile situazione va più che bene; a lui importa occupare quante più poltrone per costruire un sistema di potere duraturo.

Terzo: chi urlava d’essere l’unica opposizione a questo sfascio, i 5 Stelle, che ha avuto un’occasione irripetibile d’incidere realmente sulle vicende di questo disgraziato Paese, dopo aver dimostrato tutta la propria inadeguatezza, perso in diatribe risibili, posizioni estemporanee e guerre intestine, risulta drasticamente ridimensionato; è stato l’ultima delusione di tanti che, ingenuamente ma in perfetta buona fede, hanno creduto in lui senza ottenere nulla di concreto.

Quarto: della cosiddetta destra, francamente, non c’importa più di tanto e ne parliamo solo per dovere di cronaca: si sbriciola il partito del vecchio pregiudicato, rimasto aggrappato alla politica per garantire i propri interessi; decolla la Lega di Salvini. Il nuovo leader ha scaltramente individuato pochi slogan che fanno breccia in quell’elettorato impaurito; parole d’ordine vecchie, approssimative quanto false, ma a cui troppa gente che si rifiuta di riflettere s’aggrappa. Possiamo sorridere della loro grossolanità, è ovvio, ma se ci ricordassimo appena della storia, ci renderemmo conto di quanti danni si possano fare additando nemici “facili” a popolazioni disperate; creando capri espiatori a cui addebitare ogni sventura; indicando soluzioni miracolose. È l’eterna ricetta del populismo e di peggio ancora, che sfrutta il disagio per costruirci sopra posizioni di potere.

Per concludere, sono state elezioni brutte e non poteva essere diversamente vista la situazione; l’ennesimo grido di popolazioni abbandonate che mostrano così il proprio disagio. Il fatto è che chi dovrebbe accoglierlo alza le spalle, ha ottenuto ciò che voleva: nuove poltrone e centri di potere.    

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi