/ Medio Oriente / Rifugiati, Unhcr elogia sostegno dell’Iran

Rifugiati, Unhcr elogia sostegno dell’Iran

Redazione on 9 gennaio 2018 - 02:18 in Medio Oriente, Primo Piano

Sivanka Dhanapala, il rappresentante uscente dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) in Iran, ha lodato i grandi sforzi compiuti dalla Repubblica Islamica per aiutare rifugiati e immigrati.

Durante un incontro avvenuto domenica a Teheran con il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, Dhanapala ha evidenziato i contributi della Repubblica Islamica nei confronti dei rifugiati e degli immigrati che vivono in Iran, e ha dichiarato: “L’Iran ha fatto molti sforzi per aiutare i profughi nel quadro dei suoi impegni internazionali”. Zarif, da parte sua, ha sottolineato gli ampi e generosi sforzi compiuti dall’Iran per aiutare i rifugiati, e ha sottolineato la necessità di proseguire i colloqui e la cooperazione tra Teheran e l’Unhcr.

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha mantenuto una presenza ininterrotta nella Repubblica Islamica dell’Iran dal 1984 e ha uffici a Teheran, Mashhad, Kerman, Shiraz, Isfahan e al confine di Dogharoun.

Nel 2016, Dhanapala ha dichiarato all’agenzia iraniana Tasnim che la Repubblica Islamica dell’Iran ospita generosamente una delle situazioni di profughi più estese e più lunghe del mondo. “Le stime del governo indicano che 951.142 rifugiati afghani e 28.268 profughi iracheni risiedono in Iran, oltre a 620mila afghani che detengono passaporti afghani e visti iraniani”, ha osservato il funzionario.

“Dal primo afflusso di profughi afghani quasi quarant’anni fa, l’Unhcr ha lavorato a stretto contatto con il suo principale omologo governativo, il Bureau for Aliens and Foreign Immigrants Affairs (Bafia) del Ministero degli Interni, per assistere e proteggere i rifugiati nel Paese. Nonostante il grande rimpatrio volontario in Afghanistan avvenuto tra il 2002 e il 2005, l’Iran ha assistito a un calo generale del numero di rimpatriati nel loro Paese di origine, in gran parte a causa del continuo deterioramento della sicurezza e della situazione economica in Afghanistan”, ha aggiunto Dhanapala.

Di conseguenza – continua Dhanapala – l’Unhcr ha lavorato a stretto contatto con il governo nei settori della salute, dell’istruzione e dei mezzi di sussistenza nel tentativo di migliorare l’accesso ai servizi per i profughi durante il loro soggiorno in Iran, e lavora sotto l’ombrello di un strategia regionale pluriennale nota come Strategia delle soluzioni per i rifugiati afghani (Ssar), nel tentativo di trovare soluzioni durature per la grandissima popolazione di rifugiati ospitati in Iran.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi