/ Cronaca / Turismo sessuale, 80mila italiani adescano minorenni

Turismo sessuale, 80mila italiani adescano minorenni

Redazione on 22 agosto 2018 - 02:46 in Cronaca, Primo Piano

La triste vicenda del turismo sessuale vede spiccare tra le principali nazionalità quella italiana. Si calcola che nel solo mese di Agosto saranno 80mila gli italiani che saranno in giro nelle principali mete del turismo sessuale.

turismo-sessualeIl paragone potrebbe apparire forzato, ma fatte le debite proporzioni per ogni persona che cercherà di raggiungere l’Italia ci saranno due connazionali che si recheranno in uno di questi Paesi per effettuare quella macabra pratica del turismo sessuale. Una prassi che vede l’Italia primeggiare tra le nazionalità che ogni anno sbarcano in questi luoghi; a fargli compagnia vi sono la Francia, la Germania, la Gran Bretagna, la Cina e il Giappone.

Il giro di denaro che caratterizza questi tour è da paragonare al traffico delle armi ed a quello degli stupefacenti. Uno studio di Ecpat Italia, contenuto nel Global study di Ecpat Internatonal (End child prositution in asian tourism) e frutto di due anni di ricerca condotta sul campo tra il 2015 e il 2016, ha stimato che i turisti sessuali italiani sono circa 80mila, la quasi totalità uomini. La loro età è compresa tra i 20 e i 40 anni, con un’età media che non supera i 27 anni. I Paesi maggiormente visitati sono quelli in cui povertà e corruzione facilitano la pratica; le mete più gettonate sono infatti il Brasile, la Repubblica Dominicana, la Colombia, la Thailandia e la Cambogia.

In molte di queste “mete” è infatti molto frequente trovare cartelli scritti in italiano nella quale si intima di non toccare i bambini, in una malata forma di protezionismo verso qualcosa che viene visto come una merce da sfruttare a proprio piacimento. Eppure non sono solo gli uomini a muoversi per soddisfare i propri malsani impulsi, molte sono le donne e si calcola che il numero dovrebbe aggirarsi intorno alle 8mila unità che ogni anno si muovono alla ricerca di sesso a pagamento con minorenni; principali obiettivi sono adolescenti kenyioti o caraibici, a differenza degli uomini che preferiscono bambini al di sotto dei 14 anni.

I turisti del sesso minorile rappresentano, tra quanti cercano di fare sesso con minori a pagamento, una fetta stimata intorno al 5%, abituali il 35%, occasionali il 65%. Con loro l’età delle giovani “prede” scende sotto i 12 anni. Gli italiani brava gente diventano allora degli orchi, degli stupratori che dismessi i panni del buon vicino di casa, dell’insegnante, del dirigente si liberano di tutte le fantasie e gli impulsi che hanno dovuto reprimere per un intero anno dando sfoggio della loro vera natura, segnando in modo indelebile il corpo e la psiche di bambini che il più delle volte hanno la stessa età dei loro figli. Così facendo sfruttano in modo meschino la povertà che attanaglia alcune zone del pianeta, avendo dalla loro parte i governi che con il turismo sessuale riescono ad avere introiti macchiati di sangue innocente.

Molti di questi connazionali tornati in Italia non provano nessun rimorso, anzi, vedono la loro pratica come qualcosa di legale e ammantano il tutto come uno svago legittimo dopo un anno di duro lavoro, il tutto in una nazione che fa della famiglia il proprio motto. Tutti bravi padri e madri di famiglia che tra uno strepitio contro gli immigrati e una stretta di mano tra i banchi della chiesa, si ammantano di facili slogan che sono solo una facciata per avere l’applauso della società, nascondendo bene il loro vero e feroce volto.

di Sebastiano Lo Monaco

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi