/ Medio Oriente / Trump fa sganciare una GBU-43B in Afghanistan: “Sono orgoglioso”

Trump fa sganciare una GBU-43B in Afghanistan: “Sono orgoglioso”

Redazione on 14 aprile 2017 - 11:38 in Medio Oriente, Primo Piano

Dopo la pioggia di missili contro la Siria, non si ferma il folle e criminale esibizionismo trumpiano. L’esercito americano ha sganciato ieri una GBU-43B, la più potente bomba americana non nucleare, su presunti obiettivi Daesh in Afghanistan. Per la prima volta questo ordigno viene utilizzato in battaglia, riferiscono fonti del Pentagono.

GBU-43/BUna GBU-43B Massive Ordnance Air Blast Bomb (Moab), soprannominata la “madre di tutte le bombe“, è stata sganciata alle 19:32 ora locale. La Moab è una bomba con sistema guida Gps, lunga 30 piedi, pesa 21.600 libbre.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump si è dichiarato “molto orgoglioso” per aver fatto sganciare la “madre di tutte le bombe” sull’Afghanistan. La bomba è stata sganciata da un aereo MC-130, di stanza in Afghanistan e gestito dall’Air Force Special Operations Command.

Il missile avrebbe colpito un sistema di gallerie e grotte nel distretto sul confine pachistano di Achin, nella provincia di Nangarhar, utilizzato dai membri dell’Isis per muoversi liberamente.

L’ambasciatore afghano negli Stati Uniti, Hamdullah Mohib, ha dichiarato alla Cnn che la bomba è stata sganciata dopo violenti combattimenti scoppiati la scorsa settimana tra le forze speciali statunitensi e le truppe afghane contro Daesh.

di Redazione

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi