Terra dei Fuochi, aumenta tasso di mortalità

Visualizzazioni : 4

La Terra dei Fuochi sembra essere finita nel classico dimenticatoio italiano, distratti dalla continua campagna elettorale messa in atto dai vari governi che si susseguono. Eppure nella nazione si continua a vivere immersi tra problemi quotidiani che invece di essere affrontati vengono letteralmente messi sotto il tappeto. Purtroppo, il dramma della Terra dei Fuochi sembra ormai scomparsi dal radar della politica.

inquinamento_terra dei fuochiEppure c’è una parte consistente della nazione che si trova a vivere in quelle aree mefitiche e volutamente abbandonate dallo Stato. In questi giorni, l’Istituto Superiore della Sanità e la Procura della Repubblica di Napoli Nord hanno portato alla luce i risultati di un lavoro iniziato tre anni fa che ha interessato 38 comuni compresi tra la provincia di Caserta e quella di Napoli che rientrano in quella denominazione nefasta che è la “Terra dei Fuochi”.

L’area presa in esame ha una vastità di 426 Km quadrati e all’interno di essa si trovano oltre un milione di persone, un’area presso la quale sono ubicate 2767 discariche con un riversamento controllato o abusivo di rifiuti; in 653 di queste discariche sarebbero avvenute, stando agli studi, combustioni illegali. Quella compiuta dall’Istituto Superiore della Sanità è una mappatura del territorio calcolando l’indicatore di esposizione ai rifiuti che tiene conto della pericolosità dei siti presenti nel territorio comunale e della percentuale della popolazione ivi residente. Il lavoro ha permesso di caratterizzare il territorio di 38 comuni calcolando l’impatto ambientale alla presenza di siti di smaltimento controllato ed incontrollato e mettendo in evidenza le aree comunali con “impatti” maggiori.

In alcuni comuni sono risultati eccessi di specifiche patologie in termini di mortalità, ospedalizzazione ed incidenza dei tumori; nei comuni in questione 354.845 abitanti hanno la residenza entro cento metri da uno dei siti di smaltimento esponendo la popolazione in questione ad una molteplicità di fonti contaminanti. Nell’area presa in esame si osservano nei generi maschili e femminili eccessi di mortalità e di incidenza per tutti i tumori: eccessi di mortalità per tumori al fegato, della vescica in entrambi i sessi e tumori alla mammella per le donne, mentre si riscontrano linfomi non Hodgkin negli uomini, in entrambi i sessi sono segnalati eccessi per tumori al polmone in corrispondenza ai siti di combustione incontrollata.

Si è riscontrato anche un incremento di ospedalizzazione per asma ed una presenza di nati pretermine. Singoli comuni presentano eccessi di singole patologie, che meritano specifiche attenzioni ed approfondimenti.

Questo dramma, comune a tanti altri, è figlio della complicità e dell’incompetenza di uno Stato che sul malaffare e servendosi dei suoi “bracci armati” (Mafia, Camorra e ‘ndrangheta) ha fondato e fortificato i suoi interessi e la sua stessa esistenza. Alla fine, il terribile prezzo di questo scempio viene pagato sempre dagli ultimi, dagli invisibili di questa maledetta terra.

di Sebastiano Lo Monaco

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi