Teheran, quei soldati ebrei martiri per l’Iran

Visualizzazioni : 10

In un precedente articolo, nel chiederci se gli ebrei in Iran vivessero come i palestinesi a Gaza, avevamo messo il punto sulle differenze tra l’essere ebrei in Iran ed essere palestinesi a Gaza, laddove i primi sono liberi di praticare la loro religione e di votare alle elezioni, i secondi vengono fermati e perquisiti ai posti di blocco, vengono brutalizzati da un esercito di occupazione, e ammassati in una colonia penale densamente popolata (Gaza) dove sono privati dei loro mezzi di sussistenza di base. Gli ebrei iraniani vivono nella dignità e godono dei diritti della cittadinanza, hanno il diritto di auto-amministrazione e un membro tra i 290 parlamentari iraniani è eletto dai soli ebrei.

ebrei-iranA riprova di ciò, l’Iran ha costruito a Teheran un monumento per soldati ebrei iraniani morti durante la guerra lunga e aspra con l’Iraq tra il 1980 e il 1988, per il cui orribile conflitto i due Paesi hanno pagato il pedaggio di morte di un milione di vittime. Dopo anni, un memorial a quei soldati ebrei che non hanno aderito alle coalizioni occidentali ma combattevano per l’Iran.

Il monumento è composto da un blocco di grandi lastre squadrate nello stile di pietra di Gerusalemme con il disegno stilizzato di una menorah, il candelabro a sette bracci, mentre banners mostravano le immagini dei quindici soldati caduti, salutati come “martiri”. La presa di posizione degli ebrei iraniani nel sostenere la Repubblica islamica e la loro obbedienza alla Guida suprema sono la prova dei legami che derivano dalle sacre religioni. E’ importante fare una netta separazione tra iraniani ebrei e Israele. I primi hanno sempre condannato gli “atroci delitti” del “regime sionista” e il “comportamento inumano e violento” del suo premier Bibi Netanyahu.

Mentre restano molto tesi i rapporti tra la Repubblica Islamica iraniana e Israele, antichissima è la convivenza degli ebrei in Iran, tremila anni di convivenza dei discendenti di quegli schiavi babilonesi salvati da Ciro il Grande, che  rappresentano la comunità più grande del Medio Oriente, dopo quella di Israele, con circa 25mila unità che vivono perlopiù  a Teheran, ad Isfahan e nella città meridionale di Shiraz. Tutelati dalla Costituzione come minoranza, Khomeini li elogiava: “Una cosa sono gli ebrei, un’altra gli israeliani…”. Molti parlano più il farsi che l’ebraico. Sono professionisti, orafi, vendono antiquariato e tappeti. Questa è la Repubblica islamica dell’Iran.

di Cristina Amoroso

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi