Teheran è la città che amiamo

Visualizzazioni : 2

Mentre Teheran resta sempre alle prese con il persistere dell’inquinamento atmosferico, le strade della capitale iraniana sono costantemente piene di macchine e la città resta sempre viva anche di notte. Tuttavia, può risultare interessante ascoltare i dialoghi tra persone che sono preoccupate per il destino della loro città e di loro stessi. Ci ricordano che il destino ultimo della terra su cui camminiamo è fortemente intrecciato con il nostro.

TeheranLa Madre Terra, come tutte le madri, è più generosa di quanto pensiamo. Tuttavia, il mondo naturale è molto più potente di quanto possiamo immaginare. Sebbene non si possa ignorare il ruolo delle macro politiche implementate dal governo, un cittadino responsabile può spingere i responsabili politici a preoccuparsi dell’ambiente più di prima.

Non importa se viviamo in un attico di lusso in una metropoli o in una fattoria in un villaggio, dovremmo essere consapevoli che l’ambiente non è creato a nostro uso e consumo. Le persone che vivono nelle grandi città sono circondate da edifici, centri commerciali e autostrade e questo potrebbe far sì che ignorino gli effetti del domino nella natura. Tuttavia, la natura non è solo foresta, mare e deserto. L’aria che respiri, l’acqua che consumi e gli alberi lunghe le strade sono parte della natura.

A Teheran, a causa della sovrappopolazione, la città è alle prese con numerosi problemi ambientali. I continui dibattiti sull’inquinamento atmosferico e altri problemi ambientali li trasformano in una questione di routine per molti di noi.

Il punto è che non possiamo dare per scontata la natura. I problemi ambientali sono diversi, dall’inquinamento industriale alla cattiva gestione dei rifiuti e il tutto danneggia drammaticamente la natura di cui facciamo parte. Potrebbe essere il momento di ascoltare la voce di Teheran. Una città che per molti di noi è associata a bei ricordi e generosamente ci ospita con tutte le ingiustizie che facciamo contro di essa. La città che amiamo e di cui siamo orgogliosi.

Il titolo dell’articolo è ispirato a un libro intitolato “Ancora una volta, la città che ho amato”, scritto dall’autore iraniano Nader Ebrahimi.

di Redazione

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi