/ Medio Oriente / Su-35, Mosca entra nel gioco politico del Golfo

Su-35, Mosca entra nel gioco politico del Golfo

Salvo Ardizzone on 7 ottobre 2017 - 02:32 in Medio Oriente, Primo Piano

Gli Emirati Arabi Uniti starebbero per acquistare dalla Russia caccia multiruolo di generazione 4++ Su-35 Flanker E; l’accordo definitivo dovrebbe essere firmato entro l’anno. Un accordo preliminare era già stato siglato a febbraio ad Abu Dhabi, in occasione del salone internazionale della Difesa Idex 2017; allora era stato raggiunto un ulteriore accordo di cooperazione fra gli Eau e la russa Rostec per lo sviluppo congiunto di un aereo di 5^ generazione.

La radice di questi sviluppi, impensabili fino a qualche tempo fa, è da ricercare nel profondo cambiamento di equilibri in corso in Medio Oriente, e nel progressivo disgregarsi del sistema di potere che lo ha retto per molti decenni.

Da parecchio gli Eau attendono inutilmente di essere autorizzati all’acquisto degli F-35 Usa, a causa del veto Israeliano; nel frattempo, i restanti Paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo hanno piazzato ordini plurimiliardari per acquistare aerei (e con essi protezione e coperture politiche) da Stati Uniti ed altri Stati europei.

Abu Dhabi dispone al momento di circa 65 F-16E/F Block 60 ed altrettanti Mirage 2000-9; è per sostituire questi ultimi che sono in corso da anni trattative per acquistare 60 Rafale dalla Francia. Tuttavia, nel Golfo, come già accennato, simili contratti vengono stipulati assai più per ragioni politiche che per considerazioni strettamente militari: agli Eau sta sempre più stretta la supposta egemonia saudita sulla regione, e più che mai adesso che Riyadh mostra la corda sia dal punto di vista economico che politico, a causa dei tanti errori e da ultimo per la dissennata gestione della guerra in Yemen in cui entrambi gli Stati sono coinvolti.

Abu Dhabi sta già seguendo un programma proprio, sfruttando la campagna yemenita per aumentare la sua presenza nel sud di quel Paese e nel Corno d’Africa, disinteressandosi della lotta all’Anzarullah e di quanto accade al nord e lungo i confini sauditi, suscitando così le ire di Riyadh.

Che gli Eau, ribaltando i canali tradizionali del Golfo, si siano rivolti alla Russia per acquistare i Su-35 dimostra due cose: la prima è che l’industria militare russa sta continuando a beneficiare del successo d’immagine ottenuto nella vetrina del conflitto siriano, dove i sistemi d’arma di Mosca hanno dimostrato d’essere quantomeno sullo stesso livello di quelli occidentali, americani compresi. La seconda, e assai più pesante della prima, evidenzia il peso politico acquistato dalla Russia in Medio Oriente, e dunque il fatto che il Cremlino può fornire “sicurezza” non solo attraverso la fornitura di aerei, in questo caso i Su-35, ma anche (e soprattutto) per la sua ritrovata dimensione geopolitica.

Nei fatti, Abu Dhabi ha già dimostrato d’avere tutto l’interesse d’inserirsi nel cambiamento di equilibri in corso nella regione, erodendo lo spazio che Riyadh, in crisi sempre più evidente, non è più in grado di occupare per intero; il fatto che gli Eau si siano rivolti a Mosca, l’attore che assai più di altri è dietro a quel cambiamento, non fa che rimarcare l’ascesa dei due soggetti nell’area del Golfo, a scapito di Washington e Riyadh.

Tornando ai Su-35, per adesso specifiche dell’acquisto e numeri non sono stati divulgati; con tutta probabilità verranno ufficializzati a novembre, in occasione del Dubai Air Show; per adesso è verosimile un numero iniziale non inferiore a 24 velivoli, sufficiente a equipaggiare almeno 2 squadroni.

di Salvo Ardizzone

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi