/ Europa / Stato di Diritto a rischio: procedura Ue contro la Polonia

Stato di Diritto a rischio: procedura Ue contro la Polonia

Redazione on 22 dicembre 2017 - 13:08 in Europa, Primo Piano

In Polonia lo Stato di Diritto è a rischio e per la prima volta nella sua storia la Commissione Ue attiva la procedura prevista dall’Articolo 7 del Trattato.

Sono ben tredici le leggi promulgate dalla Polonia che, negli ultimi due anni, hanno sistematicamente violato i principi e i valori fondamentali dello Stato di Diritto e dei Trattati europei. Alla maggioranza nazionalista, conservatrice ed euroscettica rappresentata dal partito Legge e Giustizia, viene contestata nello specifico la riforma del sistema giudiziario. Il vicepresidente della Commissione Frans Timmermans, ha affermato che è stata una scelta obbligata anche se pesante, dato che le sanzioni previste dall’Articolo 7 vanno dalla riduzione degli aiuti fino alla sospensione dei diritti di voto in Consiglio.

La situazione è precipitata fino a questo punto in quanto si è constatato che la riforma incriminata, così come concepita da Legge e Giustizia, compromette fortemente l’indipendenza del potere giudiziario, prevedendo una pesante ingerenza da parte della maggioranza di governo nei meccanismi di funzionamento del sistema giustizia. Per attivare le sanzioni previste dall’Articolo 7 serve comunque la constatazione unanime di tutti gli Stati membri, circa l’esistenza di una violazione grave e persistente.

Alla Polonia viene concesso un termine di tre mesi per rivedere tali riforme e scongiurare l’attivazione delle sanzioni. Se entro tale termine dovesse tornare sui suoi passi, sempre secondo Timmermans, la Commissione sarà disposta a riconsiderare la sua posizione e sarà possibile far ripartire un dialogo fin qui dimostratosi difficile.

Un dialogo al quale crede fermamente il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker che ha invitato formalmente il premier polacco Mateusz Morawiecki, il prossimo 9 gennaio a Bruxelles per un confronto diretto su questa grave situazione. Nei giorni scorsi lo stesso Morawiecki si era espresso sulla questione, affermando che la Polonia è attenta allo Stato di Diritto tanto quanto lo è l’Ue. Toni in fin dei conti moderati se confrontati a quelli duri usati dal Presidente polacco Andrzej Duda, che parla di bugie e ipocrisie da parte di Bruxelles, o quelli delle dichiarazioni della portavoce di Legge e Giustizia, Beata Mazurek che accusa l’Europa di voler punire la Polonia per il suo rifiuto di accogliere profughi e migranti musulmani. Il ministro degli Esteri polacco Zbigniew Ziobro, ha liquidato la questione affermando che la riforma andrà avanti e che alla Polonia servono tribunali efficienti per poter avere un ruolo all’interno dell’Unione Europea.

A questo punto gli scenari che si prospettano sono molteplici, e probabilmente potrebbe aprirsi un dibattito politico determinante all’interno della stessa maggioranza di Governo, soprattutto in considerazione del fatto che la Polonia è un paese dall’economia, sì in continua crescita, ma fortemente dipendente dai fondi di coesione messi a disposizione dall’Unione Europea.

di Massimo Caruso

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi