Stati del Golfo finanziano Pkk per destabilizzare l’Iran

Pkk
Visualizzazioni : 22

In linea con la loro guerra per procura contro l’Iran, gli sceicchi arabi capeggiati dall’Arabia Saudita hanno finanziato gruppi terroristici come il Pjak e il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk).

PJAK-IranIl Pkk e il suo ramo iraniano, il gruppo terrorista armato del Pjak sono nella lista nera dei gruppi terroristici in America, Europa, Iran e Turchia. Per continuare i suoi atti terroristici, questo gruppo dipende fortemente dai contributi di alcuni Paesi della regione oltre al riciclaggio di denaro sporco, al traffico di droga, alla tratta di esseri umani, all’estorsione e al rapimento. Gli Stati del Golfo Persico, in particolare l’Arabia Saudita, hanno più volte finanziato questo gruppo al fine di rendere insicuri i confini occidentali dell’Iran e di far ricrescere i conflitti nel Paese.

In realtà, il Pjak, in quanto gruppo terroristico, dipende interamente da aiuti stranieri nei settori della finanza, dell’informazione, dell’esercito e dei media. Per quanto riguarda l’approccio dell’Arabia Saudita nei confronti dell’Iran, in particolare durante l’era del principe ereditario saudita Mohammad bin Salman, è necessario menzionare anche importanti prove tra cui il sostegno al referendum sull’indipendenza in Iraq del Kurdistan (sostenuto solo da Israele) ha illustrato la politica saudita di invadere l’integrità territoriale dell’Iran.

I funzionari sauditi credono che l’idea di creare il grande Kurdistan distruggerà gli ideali di Iran, Iraq e Turchia, per questo il Regno saudita sostiene l’indipendenza del Kurdistan e la formazione dello Stato del Kurdistan. Dietro le quinte, anche gli Stati Uniti e il regime israeliano hanno sostenuto il Pjak.

Il noto giornalista Seymour Hersh ha rivelato nel 2008 che le forze statunitensi sostengono il Pjak come parte del loro piano per destabilizzare l’Iran. Ha anche rivelato che sia gli Stati Uniti che Israele hanno fornito al Pjak un aiuto finanziario di 400 milioni di dollari.

Inoltre, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Bolton, ha esplicitamente delineato tre strategie nei confronti dell’Iran, tra cui il supporto per i movimenti separatisti in Khuzestan, nel Baluchistan e nel Kurdistan iraniano. Il Pjak è praticamente impegnato in attività terroristiche con il pretesto di proteggere i diritti dei curdi nel nord-ovest dell’Iran.

Il giornale turco Yeni Şafak ha recentemente riportato la notizia del finanziamento di un miliardo di dollari al Pkk da parte degli Stati del Golfo Persico e che gran parte del finanziamento andrà alla sua propaggine iraniana, il Pjak. La maggior parte degli aiuti è stata fornita dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti per aiutare le attività terroristiche contro l’Iran.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi