Sistema sanitario nazionale intasato: italiani costretti a cure private

Visualizzazioni : 24

di Adelaide Conti

Stai male e necessiti di una visita specialistica? Nessun problema, basta armarsi di santa pazienza e il gioco è fatto. Ce lo racconta, con un linguaggio in cui prevalgono formule asciutte e inusuali, concetti chiari e incisivi il Rapporto Censis-Rbm Salute, presentato a Roma al Welfare Day: nell’ultimo anno le liste d’attesa per sottoporsi a visite ed esami specialistici si sono allungate drammaticamente. Oggi per fare una risonanza magnetica al ginocchio bisogna aspettare 20 giorni in più rispetto a prima (da 45 si è passati a 65 giorni). Dodici sono invece i giorni in più se si necessita di una ecografia dell’addome (da 58 giorni si è passati a 71). Se invece e una colonscopia quella che si deve fare, allora i giorni in più saranno 10 (da 69 giorni si passa a 79).

Ventidue milioni sono gli italiani che nell’ultimo anno hanno fatto almeno un accertamento specialistico (ecografie, radiografie, risonanza magnetica, Tac, elettrocardiogramma, esami del sangue, Pap test). Il servizio pubblico stentatamente riesce a soddisfare e smaltire una mole di richieste tali. Ed ecco che i tempi per accedere alle prestazioni diventano biblici, e chi ha urgenza di fare un controllo si rivolge ad una struttura privata o all’intramoenia (il servizio privato all’interno delle strutture pubbliche). Ma il servizio di intramoenia – rivela l’indagine – ha spesso costi superiori al privato puro e tempi di attesa più lunghi. Ed accade dunque che oltre nove milioni di italiani effettuano visite specialistiche a pagamento intero. Quasi un terzo di quest’ultimi sono persone a basso reddito.

La spesa sostenuta dai cittadini cresce, 33 miliardi di euro, uno in più rispetto a un anno fa. Le regioni in cui è più alto il ricorso agli specialisti privati sono la Puglia e la Campania. Ci vogliono 68 giorni in media per una visita specialistica con ticket di 42 euro nel pubblico, contro i sei giorni di attesa nel privato con un costo di 102 euro; 58 sono i giorni di attesa se si vuole fare una visita cardiologica nel pubblico, contro i 5 nel privato, con una spesa di 42 euro nel primo caso e di 108 euro nel secondo.

Insomma, si ricorre sempre più alle strutture private, nonostante il periodo di crisi economica. E chi non ha i soldi, semplicemente, rinuncia alle prestazioni di cui ha bisogno. A peggiorare ulteriormente la situazione dei nostri ospedali ha concorso indubbiamente la scelta di attuare una politica aggressiva di tagli, piani di rientro e spending review che hanno inciso notevolmente negli ultimi anni sulla spesa per la sanità pubblica del nostro Paese. E’ un fatto assodato che i tagli attuati alla spesa sanitaria abbassano la qualità delle prestazioni e generano inevitabilmente iniquità, ma tant’è.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi