/ Medio Oriente / Siria: le violenze dell’Isil hanno portato al suicidio decine ragazze

Siria: le violenze dell’Isil hanno portato al suicidio decine ragazze

Redazione on 15 marzo 2019 - 08:28 in Medio Oriente, Primo Piano

Siria – Gli eventi degli ultimi anni ci stanno ponendo davanti ad un quesito esistenziale, che sembra si riproponga ciclicamente. Vita o libertà? Vivere in continua paura e dolore o morire? Non si può pretendere di saperla lunga e, purtroppo, la morte è la scelta per alcune ragazze che sentendosi violate, decidono di morire.

siria-profughi-sirianiDecine di ragazze hanno deciso di suicidarsi dopo essere state violentate da miliziani dell’Isil in Siria. La popolazione è stata costretta a subire la sottomissione a questi terroristi, subendo le loro violenze. Donne e bambini sono le categorie più soggette ad abusi sessuali, in conseguenza dei quali in media due ragazze al giorno muoiono volontariamente.

Le cause sono immaginabili. Sono ragazze, donne, bambine che si sentono colpevoli per esser venute meno ad un precetto della loro fede, che si sentono abbandonate, sono donne che non vogliono portare avanti gravidanze frutto di abusi sessuali. Human Rights Watch aveva già denunciato tali crimini.

Ad una breve analisi, le vittime sono tutte provenienti dalla comunità di Yazidi dove c’è una parte consistente di non musulmani, primi ad essere soggetti alle varie violenze del gruppo terroristico. Ovviamente, i musulmani non godono di particolare benevolenza. Bisogna ricordare che l’Isil ha nella sua “ideologia” un’interpretazione rigorista della Shari’a, che non ha nulla a che vedere con la religione islamica.

di Carolina Ambrosio

Comments are disabled

Comments are closed.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi