/ America / Siria, Israele vuole stivali Usa sul terreno per contrastare Iran

Siria, Israele vuole stivali Usa sul terreno per contrastare Iran

Redazione on 16 aprile 2018 - 02:22 in America, Primo Piano

Mentre la guerra si snoda in Siria e l’Iran si erge come potenza regionale, costruendo una presenza nel Paese, il direttore del cosiddetto ministero dell’Intelligence israeliano, Chagai Tzuriel, ha avvertito che Israele dovrebbe agire, aggiungendo che un conflitto potrebbe essere evitato se le truppe Usa restassero lì”.

“Se gli Stati Uniti hanno una presenza sul terreno, che ha… e se prende parte ai processi politici attorno al futuro della Siria, può influenzare”, ha spiegato Tzuriel, citato da The Cipher Brief. Tuttavia, Tzuriel non avrebbe commentato le recenti dichiarazioni del presidente americano, Donald Trump, sul lasciare la Siria “molto, molto presto”, ma è chiaro che se gli Stati Uniti non trovano un modo per scoraggiare la crescente influenza dell’Iran in Siria, l’entità israeliano potrebbe benissimo essere l'”altra gente” a cui Trump si riferiva e di cui dovrà “prendersi cura”.

Tzuriel vorrebbe convincere anche le controparti americane a restare

Nel tentativo di contrastare le minacce future, il cosiddetto ministero dell’Intelligence dell’entità israeliana e altri gruppi dell’intelligence intrecciano gli sforzi “cercando di cooperare con il Mossad e Shabak e con l’intelligence militare e altre organizzazioni, come la sezione di ricerca e analisi del Ministero degli Affari Esteri”, ha dichiarato Tzuriel. Di conseguenza, l’entità israeliana vede una miriade di potenziali mal di testa futuri dall’influenza iraniana nella regione – mal di testa che potrebbero portare a scontri diretti e potrebbero coinvolgere l’alleato degli Stati Uniti.

L’entità è frustrata dall’approccio lento della precedente amministrazione Obama con la Siria. E ora che l’attuale presidente dell’America sembra assecondare la politica israeliana, Israele sta calcolando le sue mosse. L’entità israeliana vede la Siria come “un microcosmo di relazioni globali e regionali – Russia e Stati Uniti, Turchia e Iran, arabi e non arabi, sciiti e sunniti…”, quindi Israele vorrebbe che gli Stati Uniti rimanessero in guerra, con almeno un piccolo numero di truppe sul terreno.

“Spero che continuino a essere coinvolti e continuino a rappresentare le nostre preoccupazioni nel contrastare l’Iran, che è il più grande problema nella regione, e ciò deve essere fatto prima in Siria”, ha affermato, ha affermato Tzuriel.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi