Siria e la farsa del sistema missilistico russo S-300

Bavar-373-Siria
Visualizzazioni : 912

A causa dei tentennamenti e dell’ambiguità della Russia sulla reale attivazione in Siria del sistema di Difesa aerea S-300, il governo di Damasco pare sia intenzionato ad acquistare il sistema di Difesa aerea iraniano Bavar-373. Sebbene sia trascorso più di un anno dalla consegna del sistema missilistico russo S-300 in Siria, per ragioni più o meno oscure questo sistema di Difesa aerea non è mai stato realmente attivato. Per queste ragioni, la Siria ha intenzione di acquistare il sistema di Difesa aerea iraniano Bavar-373.

Secondo un rapporto di Avia.Pro, l’S-300 russo non è mai stato usato per respingere gli attacchi dai tempi di consegna. Nonostante numerosi attacchi sionisti nell’ultimo anno, la ragione “ufficiale” per non utilizzare l’S-300 in Siria è che i sistemi di Difesa aerea semplicemente non vedono gli aerei israeliani. Secondo altre fonti, invece, la ragione sta nella volontà russa di non volersi schierare contro Israele e quindi, chiudere un occhio sui raid israeliani.

Finora funzionari siriani e iraniani non hanno confermato la notizia della vendita in Siria dell’ultimo sistema missilistico di Difesa iraniano “Bavar-373”. Il sistema missilistico progettato e costruito a livello nazionale Bavar-373, è stato presentato durante una cerimonia tenutasi a Teheran nell’agosto 2019.

Il sistema di Difesa aerea a lungo raggio è in grado di rilevare fino a 100 bersagli, rintracciarne 60 e coinvolgerne sei contemporaneamente. Una caratteristica distintiva del Bavar-373 è il suo sistema di lancio verticale con lanciatori quadrati, utilizzato principalmente per la Difesa aerea su navi da guerra. Bavar-373 utilizza un radar di controllo del fuoco ad array a lungo raggio, chiamato Me’raj-4. Il sistema di Difesa aerea impiega tre diversi tipi di missili per colpire bersagli a varie quote.

Doppio gioco russo in Siria

Sono altri gli aspetti che teniamo a sottolineare e condannare. Non discutiamo sugli accordi poco limpidi che Putin chiude con Usa, Turchia o Israele, ma condanniamo la complicità nelle aggressioni americane e israeliane. In Siria, non passa giorno in cui aerei della coalizione americana o israeliani non effettuino attacchi sulla popolazione. Questo accade con la complicità della Russia che, volendo, con tutti i sistemi di Difesa schierati nel Paese potrebbe tranquillamente intervenire per difendere la popolazione. A tal proposito, restiamo sempre in attesa di vedere realmente attivato il sistema di Difesa aerea S-300 che la Russia consegnò anni fa alla Siria. Avere un tale sistema attivo metterebbe nei guai l’aviazione israeliana che fino ad oggi ha avuto gioco facile. Purtroppo, dietro a tutto questo c’è un tacito quanto vergognoso accordo tra Putin e Netanyahu. La Russia difende solo ed esclusivamente le proprie basi militari in territorio siriano.

A tal proposito, il Presidente della Commissione per la sicurezza nazionale e la politica estera del Parlamento iraniano, Heshmatollah Falahatpishe, ha criticato la Russia per aver disattivato il suo sistema di difesa missilistica S-300 schierato in Siria, durante i raid aerei israeliani. Il funzionario iraniano ha fatto queste osservazioni nel corso di un’intervista con l’agenzia di stampa della Repubblica islamica dell’Iran (Irna).

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi