Siria: armi Usa e israeliane nei depositi dei terroristi

Visualizzazioni : 425

Siria – L’esercito siriano ha scoperto un gran numero di missili e munizioni di fabbricazione statunitense e israeliana durante lo svolgimento dell’operazione di bonifica nel distretto di al-Wa’er, a nord-ovest della città di Homs.

L’agenzia di stampa statale siriana ha riferito che unità ingegneristiche dell’esercito hanno trovato un gran numero di missili B-10 made in Usa, Cobra, Katyusha e razzi Rpg all’interno di un covo dei terroristi ad al-Wa’er. I militari siriani hanno scoperto anche una grande quantità di bombe, mortai, lanciamissili, maschere anti-gas, fucili di precisione, binocoli ed altre munizioni di fabbricazione israeliana sempre ad al-Wa’er.

I media siriani hanno riferito che in aprile l’Air Force siriana in risposta all’attacco missilistico statunitense sulla base aerea di Shayrat a sud di Homs, ha lanciato massicci attacchi aerei sui depositi di armi e munizioni dei terroristi a Idlib.

L’agenzia stampa in lingua araba al-Hadath ha riferito che come prima risposta agli attacchi missilistici americani, gli aerei da guerra siriani sono decollati dalla base aerea di Shayrat e preso di mira un enorme deposito di armi e munizioni americane in una base del Fronte Al-Nusra ad al-Qasaniyeh, nella regione di Jisr al-Shughour nella zona meridionale di Idlib, distruggendo l’intero arsenale e uccidere decine di terroristi.

di Redazione

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi