Sicilia: non si ferma il dramma dei profughi, negli ultimi tre giorni sbarcati 2.200 disperati

Visualizzazioni : 38

di Redazione

Non si ferma il dramma di disperati che continua a sbarcare e morire sulle coste siciliane. La marina italiana ha tratto in salvo oggi 864 immigrati clandestini nelle acque del Mediterraneo, portando così a oltre 2.200 il numero dei disperati che hanno raggiunto negli ultimi tre giorni l’Italia via mare. La maggior parte degli immigrati che sono arrivati ​​oggi nel porto di Pozzallo (Rg) sono famiglie siriane con un gran numero di bambini al seguito.

Nella giornata di ieri nelle acque a sud della Sicilia sono stati recuperati altri 447 migranti, tratti in salvo da una petroliera panamense e trasferiti successivamente a Pozzallo a bordo di una nave della Marina militare italiana. Venerdì una petroliera greca ha salvato altri 230 persone e intercettato altri 80 a bordo di un barcone tutti provenienti dalla Turchia. Per domani si prevede l’arrivo di una nave militare italiana nel porto di Reggio Calabria con 230 immigrati a bordo.

Queste ultime operazioni di soccorso arrivano a due settimane dalla fine della missione italiana “Mare Nostrum”, attivata il 18 ottobre 2013 a seguito del rifiuto dell’Unione europea di contribuire al finanziamento della missione. Durante l’operazione “Mare Nostrum” sono stati salvati più di 150mila migranti nelle acque del Mediterraneo. Il primo novembre è avvenuto il passaggio dalla missione “Mare Nostrum” alla nuova operazione con partecipazione europea “Tritum”.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi