/ Medio Oriente / Sanzioni iraniane: Europa minacciata da Usa e Israele

Sanzioni iraniane: Europa minacciata da Usa e Israele

Redazione on 14 maggio 2018 - 01:32 in Medio Oriente, Primo Piano

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un decreto che rinnova le sanzioni contro l’Iran al “livello più alto”, dopo aver annunciato che gli Stati Uniti lasceranno l’accordo nucleare con l’Iran firmato dall’amministrazione Obama nel 2015. Nel suo annuncio, Trump ha promesso di creare “problemi maggiori” all’Iran se dovesse continuare lo sviluppo di armi nucleari.

sanzioniQuali sono le sanzioni e in che modo influenzano gli altri Paesi?

Secondo una dichiarazione rilasciata martedì scorso dal Dipartimento del Tesoro statunitense, dopo un periodo di 90 giorni all’Iran sarà impedito di acquistare dollari statunitensi e di scambiare oro e altri metalli preziosi come grafite, carbone, alluminio e acciaio. Le transazioni “significative” in rial e conti al di fuori dell’Iran denominati in rial, così come l’acquisto o la sottoscrizione del debito nazionale iraniano, sono nuovamente soggetti a sanzioni.

Gli Stati Uniti vieteranno inoltre l’importazione di tappeti iraniani, cibo, alcune relative operazioni finanziarie e revocheranno licenze speciali per la vendita di aeromobili commerciali e relative parti e servizi. Anche le sanzioni precedentemente imposte al settore automobilistico iraniano saranno nuovamente imposte, ha riferito il ministero delle Finanze, senza specificare i dettagli. Tutte queste sanzioni entreranno in vigore il 6 agosto 2018.

Dopo una fase di liquidazione di sei mesi, gli Stati Uniti impongono nuovamente sanzioni contro le operazioni portuali, la navigazione e la costruzione navale. Le linee di navigazione della Repubblica islamica dell’Iran (Irisl), South Shipping Line e le sue controllate sono state espressamente menzionate nel documento del Tesoro. Anche l’acquisto di petrolio, prodotti petroliferi o prodotti petrolchimici dall’Iran sarà nuovamente vietato e le società interessate sono state designate come National Iranian Oil Company (Nioc), Naftiran Intertrade Company (Nico) e National Iranian Tanker Company (Nitc). Le esportazioni iraniane di petrolio sono aumentate ad aprile, quando Teheran ha cercato di massimizzare le entrate prima della decisione imminente di Trump.

Le sanzioni contro la Banca centrale iraniana e le istituzioni finanziarie iraniane designate ai sensi dell’articolo 1245 della Legge sulla autorizzazione alla difesa nazionale (Ndaa) per il 2012 torneranno anche entro il 4 novembre 2018. Includono sanzioni per la fornitura di “servizi specializzati di intelligence finanziaria” alla centrale banche e altre istituzioni finanziarie e la fornitura di “servizi di sottoscrizione, assicurazione o riassicurazione”.

L’autorizzazione per le società straniere controllate dagli Stati Uniti di intrattenere rapporti commerciali con il governo iraniano o sotto la giurisdizione iraniana, precedentemente consentita dalle disposizioni del Jcpoa, sarà revocata con effetto dal 5 novembre 2018. Il governo degli Stati Uniti “sanzionerà”, se necessario, le persone rimosse dall’elenco Sdn (Specially Designated Nationals and Blocked Persons) e da altre liste mantenute dal governo degli Stati Uniti il 16 gennaio 2016.

I Paesi europei avranno da 90 a 180 giorni per abbandonare le loro operazioni in Iran, o “rischiano gravi conseguenze”, secondo una dichiarazione della Casa Bianca che aggiunge che tutte le nazioni devono “collaborare per fermare la ricerca destabilizzante del regime iraniano per l’egemonia regionale”, allineandosi agli interessi di Israele e Stati Uniti.

Molte sanzioni statunitensi contro l’Iran sono già in vigore e non sono state interessate dall’accordo del 2015. Sotto queste sanzioni, gran parte del commercio diretto tra Stati Uniti e Iran è già stato vietato. La Casa Bianca ha affermato di ritenere che la reintroduzione delle sanzioni metterà anche sotto pressione i Paesi europei per costringere Teheran “a cambiare il suo corso di attività malevole”. Ci auguriamo che decenni di crimini e atrocità abbiano almeno insegnato a capire chi è il cancro di questa umanità.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi