Russia, prima centrale nucleare galleggiante verso l’Artico

centrale nucleare
Visualizzazioni : 168

La Russia ha avviato ufficialmente la prima centrale nucleare galleggiante del mondo a bordo di una gigantesca nave, come parte del programma a lungo termine di Mosca per far fronte alle carenze energetiche nella rigida regione del nord e dell’Estremo Oriente.

centrale nucleareL’unità galleggiante nucleare (Fpu) Akademik Lomonosov, dal nome del famoso scienziato russo Mikhail Vasilyevich Lomonosov, è stata rimorchiata sabato scorso da un cantiere navale di San Pietroburgo, dove era in costruzione dal 2009. Si prevede che la nave salperà attraverso il Mar Baltico e arriverà a Murmansk, dove riceverà per la prima volta combustibile nucleare e si sottoporrà a preparativi prima di salpare per la sua base operativa al porto artico di Pevek, nella regione di Chukotka in Estremo Oriente russo, dove attraccherà.

Il progetto arriverà a pieno funzionamento nell’estate 2019. A bordo della nave ci sono due reattori di propulsione navale modificati, che si trovano sulle navi da guerra e che permettono alla nave di produrre fino a 70 Mw di elettricità. È sufficiente energia per alimentare una città di 100mila persone, questi i dati secondo la società statale russa per l’energia atomica, Rosatom, che gestisce la nave.

Lomonosov sarà anche utilizzata per alimentare centrali petrolifere e gas. Il suo compito principale è fornire energia elettrica agli impianti industriali remoti, alle città portuali e alle piattaforme offshore di gas e petrolio. La Fpu appartiene alla flotta nucleare galleggiante (Fnpp), che secondo Rosatom è progettata per resistere alle condizioni più difficili in mare. La Fnpp è progettata con il grande margine di sicurezza che supera tutte le possibili minacce e rende i reattori nucleari resistenti agli tsunami e altri disastri naturali.

Inoltre, i processi nucleari presso l’unità di potenza galleggiante soddisfano tutti i requisiti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) e non rappresentano alcuna minaccia per l’ambiente. La dichiarazione si è resa necessaria per mitigare le preoccupazioni sollevate da alcuni gruppi pro-ambiente sui potenziali rischi di avere dei reattori così potenti galleggianti sull’acqua.

Greenpeace ha criticato il programma ed ha definito la Lomonosov un Titanic nucleare. Questa pericolosa impresa non è solo una minaccia per l’Artico, ma potenzialmente, anche per altre regioni naturali densamente popolate o vulnerabili”, ha dichiarato l’esperto nucleare di Greenpeace per l’Europa centrale e orientale Jan Haverkamp. Funzionari delle nazioni scandinave, tra cui Norvegia e Svezia, hanno anche espresso preoccupazioni per possibili problemi che possono sorgere sulla nave. La Russia ha tuttavia respinto le critiche e ha intenzione di portare avanti il ​​programma Fnpp. I lavori di costruzione di una seconda Fpu dovrebbero iniziare il prossimo anno.

Mentre la Russia è il primo Paese ad utilizzare reattori a propulsione navale per scopi energetici civili, molti Paesi, tra cui Stati Uniti e Francia, li hanno usati per alimentare le loro navi da guerra.

di Sebastiano Lo Monaco

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi