/ Asse della Resistenza / Il ruolo strategico della Resistenza palestinese in Siria

Il ruolo strategico della Resistenza palestinese in Siria

Redazione on 3 ottobre 2017 - 12:17 in Asse della Resistenza, Primo Piano

I combattenti della Resistenza palestinese sono in prima linea a fianco delle forze del presidente Bashar al-Assad nel combattere i gruppi terroristici nel Paese, in particolare nella regione strategica di Aleppo.

Liwa al-Quds (Brigata al-Quds) è un movimento di Resistenza palestinese che sostiene il governo siriano e opera maggiormente nella zona di Aleppo. La Brigata è stata costituita nel 2013 dall’ingegnere Muhammad al-Sa’id che è il suo attuale comandante, ed è composta prevalentemente da sunniti palestinesi del quartiere di al-Nayrab così come del campo profughi di Handarat.

Liwa al-Quds, nota anche come Syrian Arab Army Fedayeen (volontari pronti al sacrificio), è la più grande forza ausiliaria filo-governativa che opera ad Aleppo. Nel corso degli ultime settimane, Liwa al-Quds ha combattuto a fianco dell’esercito siriano e di altri combattenti alleati nella regione di Aleppo, tra cui il movimento di Resistenza Hezbollah.

Liwa al-Quds, sostenuta dall’esercito siriano e da Hezbollah, è stata protagonista dell’operazione che ha portato alla liberazione di Handarat. L’offensiva è stata sostenuta anche dall’aviazione siriana e russa. Le forze alleate hanno conquistato le alture di Handarat, nelle parti settentrionale di Aleppo, dopo intensi combattimenti.

Liwa al-Quds Modus Operandi

Il movimento di Resistenza palestinese Liwa al-Quds è tra i gruppi di combattenti in Siria che con il loro schierarsi hanno sfatato diversi miti della propaganda occidentale. La presenza di Liwa al-Quds nelle recenti vittorie al campo profughi di Handarat e al-Kindi Hospital, nonché la rapida, fulminea avanzata in altri quartieri chiave di Aleppo, ha dissipato la propaganda nemica che vorrebbe imporre la teoria che il governo di Bashar al-Assad è anti-Sunnita.

Infatti, a parte Liwa al-Quds, altri gruppi palestinesi sunniti sono attivi nella battaglia contro i gruppi terroristici stranieri. I gruppi principali sono: Qouwat al-Jalil, il Pflp-Gc, Fatah al-Intifada, Esercito per la liberazione della Palestina e i membri palestinesi delle Ndf.

Motivi per sostenere il governo siriano

La Siria ha svolto nel corso degli ultimi decenni un ruolo importante nel sostenere i movimenti di Resistenza palestinesi sotto tutti gli aspetti. Prima dell’aggressione militare in Siria avvenuta cinque anni fa, il Paese era la base principale dei movimenti di Resistenza palestinesi. La Siria è stata anche una casa per centinaia di migliaia di profughi.

I legami storici tra i movimenti palestinesi di Resistenza, i rifugiati e il governo siriano hanno portato la maggioranza dei palestinesi a sostenere il presidente Bashar al-Assad nella sua battaglia contro i terroristi Takfiri. Nel 1948 oltre 90mila palestinesi sono fuggiti in Siria come rifugiati e diverse centinaia di migliaia sono arrivati e si sono stabiliti nel grande campo profughi di Yarmouk, a sud di Damasco. Il sostegno di Liwa al-Quds per il governo siriano tende a garantire uno dei principali assi della Resistenza anti-sionista nella regione.

Il movimento di Resistenza palestinese Liwa al-Quds prevede di continuare a sostenere l’esercito siriano e i suoi alleati nella campagna contro i gruppi terroristici in ogni parte del Paese fino al raggiungimento della vittoria. Questo movimento palestinese sarà sicuramente un attore principale in quell’Asse della Resistenza che continuerà la sua lotta contro il regime sionista e i regimi arabi reazionari della regione.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi