Raqqa, 300mila civili minacciati dalle mine dell’Isil

Visualizzazioni : 3

Centinaia di civili sono rimasti uccisi nelle esplosioni di mine lasciate dall’Isil nella città siriana di Raqqa, nonostante gli Stati Uniti affermino di aver bonificato la regione e di aver ripristinato la sicurezza nella regione negli ultimi due anni.

raqqa-IsilIl sito web Baladi News pro-militante in lingua araba ha riportato che oltre 300mila persone sono esposte al rischio di perdere la vita a causa della negligenza delle Forze Democratiche siriane sostenute dagli Stati Uniti (Sdf) e della coalizione guidata dagli Stati Uniti per la presenza di migliaia di mine rimaste lasciate in città dai mercenari dell’Isil.

Le fonti hanno notato che la morte di civili a Raqqa avviene quotidianamente mentre la coalizione a guida statunitense e le Sdf hanno assicurato ai residenti di Raqqa che le loro unità di ingegneria avevano bonificato la regione e ripristinato la piena sicurezza da gennaio 2018. La coalizione guidata dagli Stati Uniti e le Sdf hanno preso il pieno controllo della città di Raqqa nell’ottobre 2017.

In uno sviluppo rilevante a fine marzo, i corpi di oltre 300 civili, tra cui donne e bambini, vittime dell’Isil e delle incursioni aeree statunitensi, sono stati scoperti in fosse comuni e sotto le macerie di edifici distrutti a Raqqa.

La Hawar News riportò all’epoca che i cadaveri di 304 persone erano stati dissotterrati da una fossa comune nella regione di Fakhikheh, nella parte meridionale di Raqqa, aggiungendo che la maggior parte dei corpi apparteneva ai civili, comprese donne e bambini, osservando che alcune delle vittime erano state giustiziate.

di Redazione

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi