/ Africa / Raggiunto accordo di libero scambio panafricano

Raggiunto accordo di libero scambio panafricano

Redazione on 5 giugno 2019 - 01:35 in Africa, Primo Piano

Mentre le tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti continuano ad aumentare, l’Africa sta mettendo insieme un accordo di libero scambio che abbraccia il continente. L’accordo Africa Free Trade Agreement (Afcfta) è entrato in vigore giovedì 30 maggio dopo la ratifica necessaria dei parlamenti di 24 Paesi. Il commissario al Commercio e Industria per l’Unione Africana, Albert Muchanga, ha confermato in un tweet che l’accordo è ora in vigore e che il mercato unificato sarà lanciato il 7 luglio.

accordo-libero-scambioDopo un lungo iter procedurale, alla vigilia del 55° anniversario della costituzione dell’Unione Africana (Au) un grande blocco di stati-nazione ha firmato un documento dal titolo “Accordo che istituisce il libero scambio nell’area continentale africana” (AfcfTa) a Kigali, in Ruanda.

Per l’entrata in vigore dell’accordo e del libero scambio era necessaria la ratifica di almeno 22 Paesi dell’Unione Africana. La maggior parte degli Stati membri dell’Unione Africana, 52 su 55, hanno firmato l’accordo il cui scopo è quello di creare un unico mercato africano di cooperazione economica, creando così la più grande zona commerciale del mondo. Solo tre Stati rimangono fuori dall’accordo non avendolo firmato: Nigeria Benin ed Eritrea. Un’eccezione notevole della Nigeria, la più grande economia del continente, ha sollevato le sopracciglia in tutto il continente, ma il governo ha insistito sul fatto che stava conferendo le parti interessate a casa prima di impegnarsi nell’accordo. Il suo ex presidente Olusegun Obasanjo è stato critico nei confronti della decisione del governo. Nel caso dell’Eritrea e del Benin non c’è stata alcuna ragione ufficiale per il loro silenzio continuo sull’accordo.

I potenziali benefici sono evidenti, se i soliti ostacoli del nazionalismo e del protezionismo non si frappongono ancora. L’accordo aiuterebbe il continente ad allontanarsi dalle esportazioni di materie prime principalmente per costruire capacità produttive e industrializzare, ha dichiarato Jakkie Cilliers, responsabile del Futuro e Innovazione Africani presso l’Institute of Security Studies di Pretoria. L’aumento del commercio interregionale stimolerebbe la costruzione di strade e ferrovie, riducendo il divario infrastrutturale in Africa. Il commercio tra Paesi africani è del 15% contro  il 20% in America latina e il 58% in Asia. Questo potrebbe aumentare del 52% entro il 2022 e può più che raddoppiare dopo l’implementazione dell’accordo.

Se il quadro sarà ratificato da tutte le nazioni africane, l’Afcfta rappresenterà una delle più grandi zone economiche a livello globale. Complessivamente ci saranno 1,2 miliardi di persone coperte dall’accordo all’interno di 55 governi, che si stima contengano già quattro trilioni di dollari in investimenti e consumi.

Alcuni dei maggiori Paesi economici africani, tra cui Etiopia, Kenya, Egitto e Sud Africa, sono tra le 24 nazioni che hanno formalmente ratificato l’accordo di libero scambio. Nell’ultimo mese, lo Zimbabwe e il Burkina Faso si sono uniti all’ovile. La fase operativa dell’accordo dovrà essere lanciata il 7 luglio in un vertice dell’Ua in Niger.

Stati partner dell’accordo di libero scambio

A partire dal maggio 2019, 52 dei 55 Stati dell’Unione Africana hanno firmato l’accordo di libero scambio, con l’esclusione del Benin, Eritrea e Nigeria. 24 di questi Stati membri hanno depositato il loro strumento di ratifica. I 24 Paesi che hanno depositato i loro strumenti di ratifica Afcfta con il Presidente dell’Ua sono Ghana, Kenya, Ruanda, Niger, Ciad, Repubblica del Congo, Gibuti, Guinea, eSwatini, Mali, Mauritania, Namibia, Sud Africa, Uganda, Costa d’Avorio, Senegal, Togo, Egitto, Etiopia, Gambia, Sierra Leone, Repubblica Saharawi, Zimbabwe e Burkina Faso.

di Cristina Amoroso

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi