/ Palestina / Ragazza palestinese condannata a 16 anni di carcere

Ragazza palestinese condannata a 16 anni di carcere

Redazione on 27 dicembre 2016 - 04:41 in Palestina, Primo Piano

Una corte israeliana ha condannato una ragazza palestinese di 19 anni, Shurouq Dwayyat a 16 anni di carcere, con l’accusa di aver tentato nell’ottobre del 2015 di accoltellare un colono nella Città Vecchia di Gerusalemme.

shurouqLa famiglia della ragazza dovrà pagare anche una multa di 80mila shekel, circa 20.929 dollari. Shurouq è stata ferita da un colono israeliano di 35 anni dopo il presunto tentativo di pugnalarlo.

Tuttavia, i testimoni hanno riferito che la ragazza era stata aggredita dal colono israeliano e non possedeva alcun oggetto appuntito al momento dell’incidente. Dopo aver ricevuto le prime cure presso l’ospedale Hadassah di Ein Karem, Shurouq è stata trasferita nel carcere di Hasharon.

La scorsa settimana, un tribunale militare israeliano ha condannato un’altra ragazza palestinese, Natalie Shukha di 15 anni, ad un anno e mezzo di carcere per l’ennesimo presunto tentativo di pugnalare un soldato sionista ad un posto di blocco militare. Shukha è stata colpita al petto dai militari israeliani.

Secondo l’associazione palestinese per i diritti dei prigionieri Addameer, circa 10mila tra donne e bambine palestinesi sono state arrestate dalle forze di occupazione israeliane nel corso degli ultimi 45 anni. Nel solo 2015, le forze militari sioniste hanno arrestato 106 tra donne e ragazze; ciò rappresenta un aumento del 70 per cento degli arresti rispetto al 2013.

di Redazione

Comments are disabled

Comments are closed.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi