Qasem Soleimani: “La repressione in Bahrain non lascia altra scelta che la Resistenza armata”

Visualizzazioni : 35

L’alto comandante iraniano della Forza Quds del Corpo delle Guardie della Rivoluzione islamica, il maggiore generale Qasem Soleimani ha avvertito che la decisione del regime di Manama contro l’Ayatollah Sheikh Issa Qassim, rappresenta una linea rossa la cui violazione potrebbe infiammare l’intera regione.

Il comandante della Forza Quds, ha dichiarato ieri che oltrepassare questa linea rossa non lascerà altra scelta al popolo del Bahrain che intraprendere la Resistenza armata.

Il regime al-Khalifa ha revocato ieri la cittadinanza all’Ayatollah Sheikh Issa Ahmed Qassim, sostenendo che è stato coinvolto nella “diffusione dell’estremismo”. La decisione arriva a meno di una settimana dall’ordinanza del Ministero della Giustizia del Bahrein di sospendere tutte le attività della Società islamica al-Wefaq, il principale gruppo di opposizione nel Paese, e chiudere le associazioni islamiche al-Tawiya e al-Risala. Il Segretario generale di al-Wefaq, lo sceicco Ali Salman si trova in carcere dal dicembre 2014.

Il comandante iraniano ha inoltre osservato che il regime di al-Khalifah sta portando avanti una violenta repressione contro il popolo del Bahrain, mentre le Nazioni Unite, gli Stati Uniti e Paesi occidentali mantengono il loro “silenzio complice”.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi