Papa Francesco: “Per la Siria una soluzione politica”

Visualizzazioni : 20

di Giovanni Sorbello

Oggi nel primo messaggio in occasione della santa Pasqua Papa Francesco I ha invitato alla pace in Siria e in Iraq, alla fine del conflitto israelo-palestinese e al buonsenso nella penisola coreana.

Il Papa parlando per la prima volta del conflitto siriano di fronte a centinaia di migliaia di fedeli riuniti in piazza San Pietro, ha dichiarato: “Quanto sangue dovrà essere versato e quanta sofferenza dovrà ancora patire il popolo siriano, prima di trovare una soluzione politica alla crisi?”. 

Ha anche pregato per la pace in Iraq, ha invitato i palestinesi e gli israeliani  a porre fine al sanguinoso conflitto che va avanti da molto tempo.

Per quanto riguarda l’Africa, ha chiesto il ripristino dell’unità e la stabilizzazione nel Mali, così come nella Repubblica democratica del Congo e nella Repubblica Centrafricana, dove migliaia di civili sono costretti a lasciare le loro case e vivere nella paura.

Papa Francesco I ha condannato la detenzione di diversi ostaggi da parte di gruppi terroristici in Nigeria, ed ha lanciato anche un appello per il rispetto verso i bambini e la famiglia.

Ha rivolto un invito alla pace ai popoli asiatici, in particolare nella penisola coreana, al fine di superare le ostilità e rinnovare lo spirito di riconciliazione.

La speranza è quella di vedere un Papa che oltre a lanciare inviti al dialogo e alla riconciliazione dalle finestre di San Pietro, sia capace di far imporre alla sua Chiesa, azioni forti e determinanti contro coloro che sono la causa delle atrocità che questa Chiesa, spesso, ha fatto finta di non vedere.

 

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi