Palestina tra Puritani e Profezia

palestina-sionismo
Visualizzazioni : 98

I resoconti sul ruolo dei cristiani europei e nordamericani nella creazione dello “Stato di Israele” spesso iniziano con la Dichiarazione di Balfour del 1917, ma gli sforzi di alcuni gruppi cristiani in Inghilterra e negli Stati Uniti per creare uno Stato ebraico in Palestina risalgono a secoli precedenti, precedendo di molto la fondazione ufficiale del sionismo da parte di Theodore Herzl. Tra i primi sostenitori dell’immigrazione fisica degli ebrei europei in Palestina vi furono i Puritani, un ramo del protestantesimo cristiano emerso alla fine del 16° secolo che divenne influente in Inghilterra e, successivamente, nelle colonie americane. I puritani influenti dedicarono un notevole interesse al ruolo degli ebrei nell’escatologia o nella teologia dei tempi finali. Molti – come John Owen, un teologo del 17° secolo, membro del Parlamento e amministratore di Oxford – credevano che il ritorno fisico degli ebrei in Palestina fosse necessario per l’adempimento della profezia sui tempi finali.

Palestina-puritani

Palestina e sionismo cristiano

Mentre le radici puritane di quello che in seguito sarebbe divenuto noto come sionismo cristiano sono spesso trascurate nei resoconti moderni di dove e perché il supporto evangelico americano per Israele è iniziato, i suoi aderenti riconoscono ancora chiaramente la sua eredità. Ad esempio, nella Conferenza a Washington dello scorso mese, il segretario di Stato Mike Pompeo, egli stesso sionista cristiano, noto per la sua ossessione sui tempi finali, ha dichiarato quanto segue: “Il sostegno cristiano in America per Sion – per una patria ebraica – risale ai primi coloni puritani e dura da secoli. In effetti, il nostro secondo presidente (John Adams) disse: Vorrei davvero che gli ebrei di nuovo in Giudea fossero una nazione indipendente”. Queste credenze puritane, che persistono oggi e sono diventate sempre più popolari, sono diventate più radicate in Inghilterra e in America coloniale con il tempo, specialmente tra la classe politica monetaria, ed hanno portato ad una varietà di interpretazioni riguardanti esattamente ciò che la Bibbia dice riguardo ai tempi finali o ultimi tempi o ultimi giorni. 

Il dispensazionalismo

Tra i più influenti vi fu lo sviluppo del “dispensazionalismo” cristiano, una struttura interpretativa che utilizza la Bibbia per dividere la storia in diversi periodo di “dispensazioni” e vede i riferimenti profetici della Bibbia a Israele come significanti di una nazione ebraica stabilita in Palestina. La storia umana e quella del popolo di Dio in particolare è suddivisa da questa corrente teologica di origine anglosassone, in differenti età o periodi, dispensazioni. In ciascuno di questo periodo Dio avrebbe impartito particolari grazie, leggi o privilegi da considerarsi solo propri a quei periodi e non ad altri.

Le dispensazioni secondo Darby

Il dispensazionalismo è stato in gran parte sviluppato dal predicatore inglese-irlandese John Nelson Darby, che credeva che i destini, ordinati da Dio, di Israele e della Chiesa cristiana fossero completamente separati, con quest’ultima che Dio avrebbe fisicamente rimosso dalla Terra prima di un periodo predetto di terrene sofferenze noto come Tribolazione. Tribolazione che avrebbe inizio a seguito della costruzione di un terzo tempio ebraico sul Monte del Tempio a Gerusalemme.

Questa convinzione nella rimozione fisica dei cristiani dalla Terra prima della Tribolazione, ampiamente conosciuta come “il rapimento”, risale al 1820 e manca di sostegno nella Bibbia, ciononostante il rapimento è stato adottato con entusiasmo da alcune chiese in Inghilterra e soprattutto negli Stati Uniti, in gran parte grazie al lavoro del teologo altamente controverso Cyrus Scofield. Nell’evangelismo americano il dispensazionalismo è molto popolare tra chiese bibliche non nominale, battisti, pentecostale e gruppi carismatici. In particolare, il marchio di escatologia cristiana di Darby coincide con sviluppi simili nell’escatologia ebraica, vale a dire le idee del rabbino Zvi Hirsh Kalisher e la creazione di un nuovo ramo del messianismo ebraico, il quale credeva che gli ebrei dovessero lavorare in modo proattivo per accelerare l’arrivo del loro messia immigrando in Israele e la costruzione di un Terzo Tempio a Gerusalemme. Le convinzioni di Darby e quelle che ha ispirato hanno promosso qualcosa di simile nel senso che i cristiani potevano accelerare l’avvento del Rapimento e della Tribolazione promuovendo l’immigrazione di ebrei in Israele e la costruzione di un Terzo Tempio ebraico.

di Cristina Amoroso

(Prossimamente: I sionisti cristiani aprono la strada a Theodore Herzl)

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi