/ Medio Oriente / Oman, “collegamento di Israele” al Medio Oriente

Oman, “collegamento di Israele” al Medio Oriente

Redazione on 5 dicembre 2018 - 10:08 in Medio Oriente, Primo Piano

Nell’autunno del 1979, due israeliani con passaporto straniero arrivarono su un volo per Muscat, la capitale dell’Oman. Uno di questi era Reuven Merhav, un alto funzionario del Mossad che si occupava di questioni riguardanti il Medio Oriente, che in seguito diventerà direttore generale del Ministero degli Affari Esteri. L’altro era un membro dello stato maggiore della “Idf” (Israel Defense Forces), il generale Menachem (Mendy) Maron. Dopo lo sbarco, i due furono trasferiti in una lussuosa villa a Muscat e da lì volarono su un jet reale per incontrare Sultan Qaboos in un accampamento fuori dalla capitale. Erano divertiti dal fatto che il bagno sull’aereo, compreso il bagno stesso, era fatto d’oro.

Medio-orienteLe discussioni durarono fino a notte fonda, in seguito alla quale gli ospiti si recarono in visita segreta in una piccola enclave dell’Oman che si chiama Ras Musandam, che si trova ai margini della penisola di Musandam, che controlla essenzialmente lo stretto di Hormuz, la porta del petrolio globale. “L’importanza di quell’incontro era nella sua stessa esistenza”, ha raccontato Merhav. “Questi sono legami diretti, anche se segreti, con un importante Paese arabo in una posizione strategica molto importante”.

Questo incontro è stato uno dei tanti svoltisi dall’inizio degli anni ’70 tra alti funzionari israeliani e funzionari dell’Oman. I legami con l’Oman hanno aperto la porta a importanti legami segreti con altri Paesi nel golfo, in primo luogo gli Emirati Arabi Uniti e il Qatar. La visita pubblica e l’accoglienza reale ricevuta dal primo ministro Netanyahu nell’ultima visita sono il risultato di quattro mesi di lavoro, guidati dal Mossad. È sicuro che il direttore del Mossad Yossi Cohen ha visitato Muscat per finalizzare i dettagli di quella visita.

Qaboos vuole mostrare un lato diverso del suo Paese verso l’Occidente: un lato più liberale e tollerante. La visita di Netanyahu è stata programmata prima dell’assassinio di Khashoggi, ma quel terribile evento ha sicuramente servito le esigenze del Sultano nel mostrare al mondo che l’Oman è diverso.

Il possibile “guadagno” di Israele da questa visita è triplice: in primo luogo, l’Oman può servire da canale per molti Paesi del Medio Oriente, tra cui Iran, Qatar e Siria, ed è considerato da tutti un onesto mediatore. Attraverso l’Oman, Israele potrebbe stabilire legami segreti con qualsiasi giocatore nella regione. Questo, ovviamente, è subordinato all’accordo di quel giocatore, ma sotto la sponsorizzazione di Qaboos, le cose sono molto più semplici. Un alto funzionario israeliano ha anche affermato di non “escludere l’uso dell’Oman per aprire un canale segreto con Iran e Siria”.

In secondo luogo, la speranza è che altri Paesi prendano coraggio da questa visita ed espongano i loro legami segreti con Israele. Infine, per Netanyahu, esporre i legami con l’Oman è un altro livello nella sua strategia mediorientale, che include la creazione di alleanze segrete – e pubbliche quando possibile – con nazioni e movimenti moderati sunniti, nel tentativo di impedire l’espansione e il consenso verso l’Iran in tutta la regione, come inoltre minare il potere regionale di Teheran, dimostrando nel contempo che Israele può normalizzare i suoi legami con le nazioni arabe, anche senza risolvere la questione palestinese.

Non c’è dubbio che il viaggio pubblico di Netanyahu a Muscat è un’importante conquista diplomatica, ma è dubbio che potrebbe portare alla normalizzazione con molti altri Paesi arabi del Vicino e Medio oriente. Sarebbe molto più conveniente e sicuro per i governanti della maggior parte di questi Paesi avere stretti legami con Israele, ma in silenzio, per paura di infuriare i loro cittadini.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi