/ Medio Oriente / Il numero di morti in Yemen può superare i 230mila

Il numero di morti in Yemen può superare i 230mila

Redazione on 30 aprile 2019 - 14:23 in Medio Oriente, Primo Piano

Yemen – Le Nazioni Unite avvertono che circa 231mila yemeniti saranno morti per fame, malattie e mancanza di cure entro la fine di quest’anno. Secondo l’organismo mondiale, solo l’aggressione militare saudita provocherà circa 102mila morti entro la fine del 2019.

YemenSecondo l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite intitolato Valutare l’impatto della guerra sullo sviluppo nello Yemen, molte persone moriranno per gli effetti collaterali del conflitto e non solo per azioni di guerra, con il bilancio complessivo delle vittime – da combattimenti e malattie – di “233mila, circa lo 0,8 percento della popolazione dello Yemen (30 milioni di abitanti)”. Per non parlare dei costi di oltre quattro anni di conflitto che sono già costati all’economia dello Yemen 89 miliardi di dollari.

Tutto questo, ovviamente, dipende dagli Stati Uniti. Il Paese ha armato l’Arabia Saudita e i suoi alleati dal marzo 2015, incluso il rifornimento di carburante degli aerei a mezz’aria e la ricognizione e il targeting delle informazioni di intelligence. La reazione internazionale è stata così diffusa che il Congresso è stato costretto ad approvare una proposta di legge per porre fine al sostegno degli Stati Uniti per la guerra degli Emirati Arabi Uniti allo Yemen, che è stata bloccata dal presidente Donald Trump.

Tuttavia, secondo Onu, Human Rights Watch, Amnesty International e altri gruppi per i diritti internazionali e agenzie di soccorso, i raid aerei della coalizione saudita hanno colpito soprattutto civili, ospedali e strutture per il trattamento delle acque. Stimano che almeno 60mila civili siano stati uccisi in queste incursioni e “ben 85mila bambini sono morti di fame, con milioni di persone a un passo dalla carestia”.

Gruppi di difesa dei diritti umani affermano che le autorità militari dell’Arabia Saudita stanno reclutando bambini yemeniti, molti dei quali disperatamente poveri, per combattere lungo il confine saudita contro le forze di Ansarullah. Ciò va contro la Carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale, che proibisce l’uso di bambini nei conflitti armati.

YemenWashington vuole fermare l’influenza dell’Iran nello Yemen

Washington afferma che il suo supporto militare all’Arabia Saudita è stato progettato per fermare l’influenza dell’Iran nello Yemen, il che non è vero e non è supportato da alcuna prova. L’Iran non ha forze militari nello Yemen. Fu in effetti il primo Paese a mettere in guardia contro le terribili conseguenze della guerra. Anche dopo cinque anni, la Repubblica Islamica continua a sostenere che l’unica via d’uscita dall’attuale stallo è il dialogo e la riconciliazione nazionale.

Il problema è che il governo degli Stati Uniti rifiuta di smettere di armare e sostenere i sauditi e i loro alleati, per non parlare del sostegno a tali iniziative. In tutto questo, il presidente Trump dice che ha tutte le intenzioni di dare un secondo veto alla legge del Congresso che richiede la fine della guerra sostenuta dagli Stati Uniti contro lo Yemen.

A meno che questa pazzia non si fermi, circa 22 milioni di anime rimarranno a rischio di morire o di essere uccisi. Molti civili moriranno di fame o per problemi medici per i quali non possono ricevere medicine. Il Paese più povero del mondo musulmano è ancora sotto il blocco saudita, e nonostante un accordo di cessate il fuoco a Hodeidah (l’unico porto da cui gli aiuti umanitari possano entrare nel Paese) che non è pienamente rispettato dai sauditi e dai loro alleati, la grande assistenza umanitaria non può arrivare in molte parti dello Yemen.

Nonostante gli appelli internazionali, gli attacchi dei droni statunitensi e le operazioni delle Forze Speciali contro lo Yemen continuano a ritmo sostenuto, proprio come in Afghanistan. Nella maggior parte dei casi questi raid aerei e bombardamenti “di precisione” uccidono molti civili innocenti in aree popolate.

di Giovanni Sorbello

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi