Non si ferma la macchina propagandistica israeliana; l’esercito di Tel Aviv fa “acquisti“ anche in Marocco

Visualizzazioni : 19

di Redazione

Non accenna a fermarsi l’instancabile macchina propagandistica israeliana che da 70 anni, e forse più, si adopera in ogni parte del mondo per sostenere e “difendere” le sorti dell’Entità sionista.

I media israeliani hanno riferito che il Marocco ha inviato in Israele un gruppo composto da 30 giovani ebrei marocchini per partecipare a un programma ideato per favorire “l’integrazione” all’interno della società israeliana, come il reinsediamento e la stabilità nei territori occupati.

Gli organizzatori hanno dichiarato al quotidiano “Jerusalem Post”, che 30 ebrei marocchini hanno partecipato a un programma estivo per “prepararli” a migrare in Israele e far parte dell’esercito israeliano. 

Questo corso estivo è stato organizzato dalla Accademia Militare “Amichai”, in collaborazione con la Federazione Sionista di Israele e l’Organizzazione Mondiale Sionista, si basa soprattutto sulla formazione fisica e mentale (lavaggio del cervello). Gli organizzatori hanno riferito che il ministero israeliano della Guerra supervisiona direttamente i partecipanti al progetto.

Anche se il Marocco e Israele non intrattengono formali relazioni diplomatiche, esiste una reale cooperazione tra le due parti. In questo contesto, i media israeliani hanno sottolineato che nel corso degli anni c’e stata una collaborazione tra le intelligence, oltre che a rapporti diplomatici e commerciali tra i due Paesi.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi