/ America / Negli Stati Uniti 50 milioni di cittadini lottano ancora contro la fame

Negli Stati Uniti 50 milioni di cittadini lottano ancora contro la fame

Redazione on 9 settembre 2014 - 09:46 in America, Primo Piano

di Cristina Amoroso

Nel Paese degli assurdi squilibri si sta mettendo in discussione la cosiddetta ripresa economica del 2013, considerati i dati sulla sicurezza e insicurezza alimentare degli Stati Uniti, pubblicati mercoledì scorso dall’Usda, il Dipartimento dell’Agricultura degli Usa.

I dati di Wall Street non coincidono con Main Street, cioè con la realtà del Paese dove lo studio stima che l’85,7 per cento delle famiglie americane nel 2013 hanno goduto di sicurezza alimentare, il che significa che hanno avuto accesso in ogni momento ad un’alimentazione sufficiente per una vita attiva e sana per tutti i membri della famiglia, mentre le restanti famiglie (14,2 per cento) sono state in situazione di insicurezza alimentare durante l’anno, il 5,6 per cento in situazione di bassissima sicurezza alimentare, il che significa che l’assunzione di cibo di uno o più membri della famiglia era ridotta per mancanza di denaro. In altre parole, mentre il più ricco ha goduto dei guadagni record della nazione, quasi 50 milioni di americani hanno continuato a lottare con l’insicurezza alimentare nel 2013.

La ricerca arriva poco dopo quella pubblicata dall’Harvard School of Public Health indicante che il divario della dieta sana tra ricchi e poveri americani è raddoppiato tra il 1999 e il 2010. Lo studio, pubblicato all’inizio di questa settimana, ha riscontrato che le differenze nella dieta sono direttamente correlati al costo dei cibi e all’accesso agli stessi. Nel senso che le persone a basso reddito hanno più probabilità di vivere in “deserti alimentari” – aree che hanno pochi negozi di alimentari che vendono prodotti sani, costringendo le famiglie che non possono permettersi di viaggiare al di fuori dei loro quartieri a fare affidamento sui negozi con cibi in scatola e alimenti trasformati. “Il miglioramento complessivo della qualità della dieta è incoraggiante, ma il crescente divario relative al reddito e all’istruzione rappresenta una seria sfida per la nostra società nel suo complesso”, ha detto l’autore senior dello studio, Walter Willett, professore di Epidemiologia e Nutrizione presso l’Hsh.

“Se si pensa che di tutte le famiglie in insicurezza alimentare che hanno partecipato al sondaggio 2013, il 62 per cento ha ricevuto sostegno da programmi alimentari e nutrizionali di assistenza federale, è fondamentale notare che i dati del 2013 sono stati raccolti prima del taglio sui buoni pasti, e che la relazione del prossimo anno comprenderà anche l’impatto con i recenti tagli e documenterà la sofferenza di massa a cui stiamo assistendo nella realtà da costa a costa”, ha dichiarato Joel Berg, direttore esecutivo della New York Coalizione contro la fame.

Nel complesso, l’insicurezza alimentare è il 35 per cento in più rispetto al 2007, prima dell’inizio della recessione. Nel 2013, la famiglia media in sicurezza alimentare ha speso il 30 per cento in più sul cibo, a differenza della famiglia media in insicurezza alimentare. La Food Research e l’Action Center ha anche osservato che il “grave” tasso di insicurezza alimentare è stato del 5,6 per cento nel 2013, rispetto al 4,1 per cento nel 2007.

Joel Berg ha dichiarato che il diffuso problema della fame nel Paese è profondamente collegato al programma del governo pro-cororazioni e alle politiche anti-operaie. Mentre le aziende si insediano all’estero per evitare di pagare tasse più alte negli Stati Uniti, il caso della recente fusione Burger King con catena alimentare canadese Tim Horton’s, i lavoratori hanno bisogno di guadagnare salari che sostengano la famiglia. I lavoratori Fast Food in 150 città degli Stati Uniti il 4 settembre hanno scioperato per chiedere un salario minimo, il diritto di organizzarsi sul posto di lavoro e la fine dei tagli ai salari. “E’ terribile che le persone che coltivano il nostro cibo e servono il nostro cibo non possano permettersi di mangiare”, ha affermato Berg.

La giornata di mobilitazione è stata organizzata dai dipendenti di McDonald, Burger King, Wendy e Kfc, e si prevede si associno migliaia di fornitori di assistenza sanitaria domiciliare, con l’obiettivo finale di costruire un movimento di lavoratori a basso salario. “A volte le cose devono toccare il fondo… prima che le persone si sveglino!”.

Comments are disabled

Comments are closed.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi