Mko, strumento distruttivo che persegue politica Usa

Visualizzazioni : 3

L’organizzazione terroristica Mujahedin-e-Khalq (Mko) è uno strumento distruttivo che gli Stati Uniti stanno usando per attuare un cambio di regime in Iran, ha riferito l’ex membro dell’Mko, Ebrahim Khodabandeh, nel corso di un’intervista rilasciata giorni fa a Press Tv.

MkoL’Mko, che è stato elencato come organizzazione terroristica negli Stati Uniti e in Europa, ha collaborato in passato con l’ex dittatore iracheno Saddam Hussein durante la sua Guerra Imposta all’Iran negli anni ’80, oltre a uccidere 12mila iraniani in una violenta campagna di attentati terroristici in tutta la Repubblica islamica e in Iraq, è fortemente disprezzato dalla nazione iraniana. L’Mko è finanziato dai sauditi, sostenuto dagli israeliani e sta seguendo l’agenda dell’America, ha riferito Ebrahim Khodabandeh.

“Sono stato membro della Mujahedin-e Khalq Organization per più di 23 anni. Il loro obiettivo fin dall’inizio era quello di ottenere il potere in Iran e da allora non è cambiato. Ma l’Mko è un culto distruttivo del controllo mentale e tutte le sette credono che il fine giustifica i mezzi”, ha dichiarato Khodabandeh.

“Pensavano che questi mezzi li avrebbero portati al loro obiettivo. Sono solo dopo il potere e si adattano alle esigenze del tempo. Al momento sono solo uno strumento criminale nelle mani dei nemici dell’Iran e nulla più”, ha affermato l’ex membro Mko.

Perchè gli Usa sostengono Mko?

“In realtà la politica della Casa Bianca insieme ai sauditi e agli israeliani è sempre stata il cambio di regime in Iran, e pensano di poterlo fare imponendo severe sanzioni agli iraniani”, ha dichiarato Khodabandeh. “Pensano facendo sì che il popolo dell’Iran soffra di (può) raggiungere il loro obiettivo. Questa politica disumana non può essere espressa ufficialmente, naturalmente. I membri dell’Mko sono sempre pronti a tradire il loro Paese pur di raggiungere il potere, ad esempio, hanno cooperato con il nemico assalitore, Saddam Hussein, e hanno sostenuto la crisi nucleare contro l’Iran”, ha concluso Khodabandeh.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi