Vince il No, Renzi rassegna le dimissioni

Visualizzazioni : 21

Matteo Renzi ha mantenuto la parola data quasi un anno fa: “Se perdo il referendum costituzionale me ne torno a casa”. Gli italiani non lo hanno dimenticato ed il risultato di ieri è stato eloquente. Alle 23:00, al primo exit poll è sembrato chiaro a tutti che la strada che si apriva dinnanzi a Matteo Renzi sarebbe stata in salita. Una salita molto ripida. La forbice data dal primo exit poll vedeva, al massimo, il Sì al 45% ed il No sempre avanti. Da li si è capito che Matteo Renzi avrebbe avuto vita dura, arrivando alle dimissioni.

 RenziNemmeno 10 minuti dopo la prima ipotesi di voto, Matteo Salvini è sceso nella sala stampa di via Bellerio, a Milano, invitando il premier a dimettersi e invocando le elezioni. Pochi minuti dopo stesso tenore per Renato Brunetta, uno dei maggiori protagonisti nella campagna del No.

Facendo un passo indietro e precisamente alle ore 19:00, l’affluenza segnalata dal Ministero dell’Interno dava una percentuale molto alta, 57,2%, quasi da elezioni politiche, segno che almeno un messaggio è stato veicolato. Affluenza che, al termine dello spoglio sarà fissata in 65,5. Numeri molto alti per l’Italia.

Tutti quelli che hanno fatto campagna per il No iniziano a presentarsi dinnanzi alle telecamere. E’ un dato di fatto che gli italiani hanno abbandonato Matteo Renzi al suo destino. Alle 23:30 la seconda proiezione dà la mazzata definitiva e sancisce la vittoria di chi vuole, in primis, Renzi fuori da palazzo Chigi e successivamente le elezioni. La percentuale finale sarà: Sì al 40,9% – No al 59,1%, chi si aspettava un testa a testa rimarrà deluso.

Con questi numeri, è ovvio, che Matteo Renzi non rimarrà mai e poi mai a palazzo Chigi. Infatti, sono sempre più forti e certe le voci che il presidente del Consiglio, nella conferenza stampa che terrà da li a poco, rimetterà il suo mandato nelle mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Matteo Renzi si presenta nella sala del Galeone verso le 00:30 e non si fa pregare. Come tutti pensavano e senza girarci intorno, rimette il suo mandato, rassegna le dimissioni aprendo scenari che potranno vedere o l’incarico ad un componente della maggioranza Pd (si parla di Padoan) oppure, ma più difficilmente, lo scioglimento delle Camere e le elezioni anticipate.

Il presidente del Consiglio ringrazia tutti gli italiani per la massiccia partecipazione alle urne, si prende tutta la responsabilità della situazione affermando che: “Ho perso io. Il mio governo finisce qui. Non ho rimpianti”. Ringrazia tutti coloro che hanno collaborato con lui e dopo appena 10 minuti di discorso abbandona la sala. Finiscono così, gli appena tre anni di governo Renzi.

di Sebastiano Lo Monaco

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi