/ Medio Oriente / Manbij, curdi ricevono nuove armi dall’Occidente

Manbij, curdi ricevono nuove armi dall’Occidente

Redazione on 13 aprile 2018 - 02:33 in Medio Oriente, Primo Piano

Gli Stati Uniti e altri Stati occidentali hanno intensificato le loro attività nel nord della Siria per sostenere e armare le forze curde nella città di Manbij, mentre le tensioni tra Washington e Ankara si sono intensificate nella regione.

La televisione libanese al-Mayadeen ha riferito che recentemente un grande volume di armi è stato inviato a Manbij, nel nord della Siria, aggiungendo che la maggior parte sono armi saudite. La Tv ha anche rivelato che la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha istituito un centro di coordinamento con i curdi per proteggere Manbij dagli attacchi dell’esercito turco. Secondo i rapporti, le forze militari statunitensi, francesi e britanniche hanno condotto missioni di pattugliamento a Manbij.

Le forze americane continuano il dispiegamento e stabiliscono nuove postazioni a Manbij, nonostante le precedenti dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump che intende porre fine alla presenza militare di Washington in Siria. Le tensioni si sono intensificate tra Turchia e Stati Uniti dopo che un nuovo convoglio di forze statunitensi e francesi è entrato nella città di Manbij per fornire sostegno ai combattenti curdi nella Siria nord-orientale.

Nuovi convogli verso Manbij

L’agenzia Web di notizie in lingua araba Smart ha riferito la scorsa domenica che un nuovo convoglio di truppe americane e francesi, tra cui 18 veicoli blindati, sono stati inviati a Manbij dalla loro base nella città di Tal Abyadh nel nord di Raqqa. Il sito web ha inoltre affermato che il convoglio delle forze statunitensi e francesi si è spostato verso il villaggio di Khatab, a nord-ovest di Manbij.

Altre fonti sul campo hanno riferito che un convoglio americano, tra cui diversi camion che trasportano veicoli, ambulanze e barriere di cemento, ha attraversato il passaggio di Simalka al confine tra Iraq e Siria ed è entrato nelle regioni sotto il controllo dei curdi. Il valico di confine di Simalka è utilizzato principalmente per il trasferimento di materiale militare.

di Redazione

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi