L’Istat sbugiarda l’ipocrisia del Governo, situazione disastrosa per l’Italia

Visualizzazioni : 26

di Redazione

In Italia, 2,2 milioni di famiglie sono senza lavoro e un minore su cinque vive sotto la soglia della povertà; a certificarlo è il 24° rapporto annuale dell’Istat sul 2015 che sbugiarda le favole ipocrite di un Governo inetto.

Le quasi 300 pagine del documento si sintetizzano così: un forte aumento delle famiglie costrette a sopravvivere senza lavoro, una spesa sociale penosamente inefficiente (in Europa, solo la Grecia fa peggio dell’Italia); un’esplosione delle diseguaglianze, che segnano l’aumento più alto fra i Paesi al mondo che rilevano il dato. Da quanto riportato emerge che, anno dopo anno, a dispetto dei fiumi di stucchevoli parole, aumenta a dismisura il divario fra le aree del Paese, con il Sud che arriva a contare una famiglia su quattro priva di redditi da lavoro.

Ma ciò che incide più in negativo sulle prospettive, è che in Italia sono i giovani a pagare l’inettitudine delle Amministrazioni locali e dei Governi che si sono succeduti: un quarto di essi non studia e non cerca neanche un lavoro che non c’è; sei su dieci continuano a vivere in casa con i genitori e, anche se continuano a studiare per acquistare titoli, la quota di chi ci riesce continua a scendere. È un’intera generazione che è stata bruciata fra precarietà, sotto occupazione e la frustrazione di non avere un lavoro.

I dati sull’occupazione complessiva registrano un lieve miglioramento di facciata sull’anno precedente, ma sono dati bugiardi sia perché è dal 2008 che il lavoro stabile si contrae, sia perché i numeri dell’occupazione sono gonfiati da lavori dequalificanti e sottopagati, frustranti parcheggi senza sbocco.

È questo il desolante ritratto di un Paese bloccato che non mette al mondo figli (con Germania e Giappone è il più invecchiato al mondo); un Paese spezzato fra aree che nessuno si sogna di ricomporre; un Paese senza speranze con un welfare in via di liquidazione; un Paese sempre più povero e ingiusto, dove il ridicolo aumento del Pil strombazzato dal Governo serve a ingrassare a dismisura un numero sempre più piccolo di persone sulle spalle di una popolazione che sprofonda nel disagio.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi