Libia: una pace difficile da raggiungere

Visualizzazioni : 16

di Adelaide Conti

Prosegue senza sosta la feroce attività dell’Isis che nei giorni scorsi ha compiuto stragi in Libia e in Iraq uccidendo decine di civili. Si direbbe che per i criminali dello Stato islamico non esista riposo. Ma se a loro non è concesso fermarsi, chi sta dall’altra parte della barricata deve tenere costantemente alta l’attenzione.

L’appello della “coalizione anti-Isis”, formata da Italia, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti, oltre che condannare gli atti barbarici dei giorni scorsi, fa appello “a tutte le fazioni libiche che desiderano un Paese unificato e in pace affinché uniscano le proprie forze per combattere la minaccia posta da gruppi terroristici transnazionali che sfruttano la Libia per i loro scopi”.

Per la coalizione anti-Isis è quanto mai urgente e necessario arrivare presto ad un “Governo di concordia nazionale” riconosciuto dalla comunità internazionale. Il ministro degli Esteri italiano Gentiloni, in relazione a quanto accaduto nei giorni scorsi in Libia ha dichiarato in un’intervista alla Stampa: “In Libia o si chiude entro poche settimane o avremo un’altra Somalia a due passi dalla costa. E aggiunge ,”Il tempo è cruciale e non illimitato”. 

A tale dichiarazione fa seguito, con vis polemica, il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, che non esita a definire i Governi occidentali formati da “pusillanimi e pagliacci”. Per il vice presidente del Senato affrontare l’emergenza Isis, come sta facendo il Governo italiano insieme agli altri Stati occidentali, a suon di comunicati stampa è un fatto incredibile e invoca un intervento militare.

Ci sembra chiaro che le posizioni antitetiche non favoriscano il dialogo, quest’ultimo è necessario per arrivare ad una soluzione che fermi tanta violenza. Lo sforzo dei vari governi e delle varie fazioni coinvolte dovrebbe avere alcune priorità: far emergere le responsabilità di tutti e nel contempo ricostruire una solidarietà diffusa. In definitiva investire nel dialogo è una funzione progettuale tutt’altro che utopica. Se non si persegue questa finalità, difficilmente si potrà ricostruire un tessuto di rapporti etici e civili.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi