/ America / La guerra è finita, se lo vogliamo davvero

La guerra è finita, se lo vogliamo davvero

Redazione on 12 maggio 2018 - 10:06 in America, Primo Piano

Era il Natale del 1971, quando John Lennon e Yoko Ono pubblicarono Happy Christmas (War is Over). Buon Natale, la Guerra è finita se lo vuoi, Buon Natale la Guerra è finita ora. Allora erano anni che gli Usa trascinavano tragicamente il combattimento terrestre in Vietnam, combattimento che alla fine è finito, dopoché milioni di cittadini erano scesi in piazza in una massiccia protesta popolare per porre fine alla guerra. Anche gli studenti italiani scendevano in piazza per chiedere Pace in Vietnam con i cartelli Nixon Boia.

guerraA Natale ascoltiamo ancora la ballata dell’epoca del Vietnam di Lennon, con la consapevolezza che la dura verità da accettare è che le guerre di oggi non possono mai finire, perchè in fondo i massimi costruttori di guerre, gli americani, non lo vogliono (e forse neppure gli italiani), indifferenti nei confronti della guerra e della politica estera. Un veterano delle guerre fallite, Iraq e Afghanistan, ha dichiarato che l’indifferenza dell’opinione pubblica americana nei confronti della guerra e della politica estera è un cancro che mangia ciò che rimane della “repubblica”. Questa mancanza di impegno deriva dalla mancanza di “pelle nel gioco” della popolazione, con meno dell’1% della popolazione che serve nell’esercito in ogni momento. La realtà odierna è diventata quasi inevitabile da quando il presidente Nixon ha cinicamente terminato la coscrizione nel 1973 e, con esso, qualsiasi forma di servizio nazionale obbligatorio.

Com’era diverso non molto tempo fa, quando i Viet Cong e i soldati del Vietnam del Nord assalirono decine di avamposti militari statunitensi durante l’offensiva del Tet del 1968, i cittadini americani – di tutte le età – erano profondamente investiti nella guerra in corso. In tutto il Paese, i diplomati delle scuole superiori e dei laureati affrontarono la prospettiva del combattimento; le mogli e le fidanzate temevano una lunga separazione dai propri cari; le madri temevano per i figli; i padri per le madri in lutto. Per necessità, ogni membro della famiglia leggeva e guardava filmati di combattimento quotidiani con la concentrazione nutrita da un coinvolgimento personale. Pochi erano esentati dal potenziale servizio.

Ogni figlio, moglie, madre e padre avevano una decisione da prendere, una domanda a cui rispondere: cosa c’entro con questa guerra in corso in Vietnam? Milioni di persone interessate, milioni di persone più i dissenzienti e, tragicamente, più di 58mila americani (oltre due milioni di vietnamiti) sono morti lì. Tuttavia, almeno c’era un dibattito nazionale.

Il modo in cui la società sostiene la guerra definisce la propria natura

Dostoevskij osservò astutamente che “il grado di civiltà in una società può essere giudicato entrando nelle sue prigioni”. Allo stesso modo, si potrebbe dire di come una nazione conduce le sue guerre e il ruolo che essa attribuisce alle persone in quel conflitto. Visto in questo modo, l’America del 21° secolo assomiglia sempre più a uno Stato mercenario e di guarnigione.

In secondo luogo, fare affidamento su una forza professionale composta da tutti volontari-mercenari ha reso fin troppo facile per i responsabili politici portare l’America in guerra. Il Congresso degli Stati Uniti non ha dichiarato guerra dal 1942. I presidenti repubblicani e democratici fanno la guerra a volontà, con sempre meno dibattito pubblico. Meno veterani del combattimento si traducono in deboli controlli del Congresso sulla guerra e sul potere esecutivo. Il colonnello in pensione e laureato di West Point, Andrew Bacevich, ha riassunto così: “La guerra è divenuta la provincia esclusiva dello Stato. Washington può fare ciò che vuole e lo fa”. Forse questo aiuta a spiegare perché le truppe americane ora operano nel 70 percento dei paesi del mondo.

I guerrafondai contano sulla tua indifferenza e l’apatia pubblica rappresenta una potenziale opportunità per condurre una guerra mondiale. Oggi, le guerre americane si estendono dall’Africa occidentale attraverso due continenti verso il Pakistan, nell’Asia meridionale. È difficile tenerne traccia. Queste guerre non finiranno mai finché una massa critica di cittadini statunitensi non ne chieda la fine. Questo è il diciottesimo anno di guerra perpetua dell’esercito americano. La guerra potrebbe essere finita, se, come cantava Lennon, lo vogliamo davvero.

di Cristina Amoroso

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi